in

Caro bollette: spendi meno con le offerte per la fornitura di gas

Capita sempre più spesso di leggere guide, per altro interessanti, che ci spiegano come consumare meno gas per spendere meno in bolletta a fine bimestre. Si parla però sempre di diminuire i consumi, cosa che non è sempre possibile. Basta infatti un inverno particolarmente freddo, o un bambino piccolo in casa, a costringere ad alzare la temperatura del termostato, andando ad incidere pesantemente sulla bolletta. Il vero modo per spendere meno consiste nell’approfittare delle proposte più a buon mercato, come ad esempio l’offerta gas proposta qui. Oggi nessuno è obbligato a mantenere il fornitore di gas che ha da tempo e trovare nuove offerte particolarmente allettanti è sempre più facile.

Dove trovare le offerte per il gas

Sono veramente numerose le aziende che forniscono il gas in giro per l’Italia. Nella pratica ogni singolo cittadino può scegliere di affidarsi al gestore che preferisce, la cui offerta è disponibile direttamente sul sito. Internet in questi anni sta molto aiutando i consumatori, perché tutte le aziende che forniscono gas e luce presentano le proprie offerte direttamente online, in modo chiaro e conciso. Per poter rendere ancora più semplice il confronto tra due compagnie è anche possibile approfittare dei siti di comparazione, ma conviene fare attenzione: spesso questi siti considerano solo alcune delle aziende disponibili, quelle che accettano di essere inserite nei loro elenchi. In pratica si ottiene una reale comparazione tra le proposte disponibili, ma che comprende un numero preciso e circoscritto di aziende. Questo ci porta a non “vedere” le proposte più interessanti, quelle delle aziende di giovane creazione, o anche quelle delle compagnie che non accettano le proposte dei siti di comparazione. Per trovare l’offerta migliore quindi ancora oggi è necessario visionare ogni proposta disponibile, andando sui siti delle singole aziende di fornitura del gas.

Offerte speciali

Riuscire a fare una valutazione di quanto risparmieremmo cambiando gestore non è poi così difficile. L’importante è avere a portata di mano una bolletta di conguaglio dell’anno precedente; questo ci fornisce alcuni dati importanti, tra cui la spesa annuale, suddivisa nelle varie voci, e il consumo reale nel corso di un anno solare. Con questi dati potremo effettuare delle simulazioni di spesa con le offerte delle compagnie che abbiamo selezionato per le loro proposte particolarmente vantaggiose. Occorre anche considerare che alcune aziende selezionate offrono ai loro clienti anche delle opportunità uniche, che hanno una durata ben specifica. Ad esempio una ridotta quota per il pagamento della componente gas, o offerte specifiche che riguardano servizi particolari. Nella simulazione dovremo aggiungere anche queste specifiche, per verificare se effettivamente il costo finale sarà ridotto o meno. Possono risultare particolarmente vantaggiose anche opportunità di altro genere, come ad esempio la possibilità di non versare un deposito cauzionale, con conseguente restituzione di quello eventualmente versato alla precedente compagnia; oppure la possibilità di non pagare per l’invio delle bollette o per la domiciliazione bancaria.

Come attivare una nuova fornitura

Mentre alcuni anni addietro cambiare gestore del gas era un’opera complessa, che ci portava via diversi pomeriggi, a volte senza riuscire a risolvere la questione, oggi questo tipo di attività si svolge rapidamente e in modo del tutto “indolore”. Prima di tutto perché molte aziende offrono l’attivazione gratuita: non servirà pagare il nuovo gestore per l’attivazione della fornitura. Secondariamente perché grazie a internet potremo svolgere tutto da casa nostra, basta avere a disposizione una bolletta del precedente gestore. Quindi potremo cercare sul sito del nuovo gestore la richiesta di adesione all’offerta, compilarla e inviarla. Saremo contattati direttamente da un addetto, via cellulare o con il metodo che preferiamo, in modo da perfezionare il nuovo contratto.

Green house: quando la sostenibilità è di casa

Ponte Morandi crollo, l’ingegnere nel 1979: “Va protetto, si corrode”