in ,

Carroponte 2016 concerti, Lukas Graham questa sera farà ballare con “7 Years”

Sta facendo registrare ottimi numeri il Carroponte Festival 2016, evento che coinvolge la periferia di Milano per tutta la stagione estiva portando in scena grande musica nazionale e internazionale. Questa sera, sul palco del Carroponte Festival, infatti, ci sarà spazio per la band danese dei Lukas Graham, nome tratto proprio dal front-man e leader del gruppo rock, ideato dal ventisettenne scandinavo che dal 2011 incanta il mondo della musica internazionale. Sul palco milanese, questa sera, grande spettacolo con la celebre “7 Years”, tormentone di qualche mese fa in cui si descrive l’esperienza del Lukas bambino, cresciuto nella comunità di Christiania, a Copenaghen, e il rapporto con la sua famiglia: non a caso, in “7 Years”, c’è una commovente dedica al padre, scomparso all’età di 61 anni.

>>> TUTTO SUI CONCERTI IN ITALIA 2016

Biglietti ancora disponibili per chi volesse prendere parte a questo lunedì sera targato Carroponte Festival 2016: il costo dei tagliandi è di 25€ con diritti di prevendita inclusi. La band danese, inoltre, porterà in scena il nuovo singolo “Mama Said” e saranno introdotti dal fresco vincitore di X-Factor Italia 2015, ovvero Giò Sada: l’artista barese, infatti, aprirà la serata che avrà inizio alle ore 21.30 e si chiuderà alle 23:30.

>>> IL PROGRAMMA COMPLETO DEL CARROPONTE FESTIVAL 2016

Sempre al Carroponte Festival 2016 grande attesa per domani, martedì 21 giugno 2016 quando sul palco arriveranno i padri dell’indie rock americano, ovvero i Dinosaur Jr. che, con la loro musica, hanno dato spunto ai sound messi in atto da band come i Nirvana e Sonic Youth. Per poter prendere parte al concerto di domani sera bisognerà acquistare il biglietto che ha un prezzo di 17€ in modalità prevendita; in caso contrario, si potrà acquistare in cassa alla cifra di 20€.

Galles Belgio Euro 2016

Dove vedere Russia – Galles: ora diretta tv, streaming gratis Euro 2016

Tamara Molinaro Rally intervista

Rally, Tamara Molinaro intervista esclusiva: “Prima pilota professionistico, poi il titolo Mondiale”