in ,

Carroponte Milano 2016, apre Ghemon con il suo rap: le ultimissime

Ha avuto inizio nella giornata di ieri, a Sesto San Giovanni, l’edizione 2016 del Carroponte Festival, evento culturale che si protrarrà fino a settembre e avrà, tra i tanti ospiti, volti noti del mondo della musica come Daniele Silvestri e Patty Pravo. A dare il via alle danze, in occasione della festa della Repubblica, i Mamud Band, alfieri dell’Afro Future Funk: con la loro musica, Simone Maggi e colleghi hanno dato vita a una commistione di generi. Dal sound africano al tocco latino della sinfonia brasiliana, passando per l’arte cubana e giamaicana e afroamericana.

SCOPRI IL PROGRAMMA COMPLETO DEL CARROPONTE FESTIVAL 2016

Ma il Carroponte Festival non si ferma certo qui: per il lungo weekend sono tanti gli eventi in programma. Oggi, ad esempio, tocca al rapper Ghemon esibirsi sul palco di Sesto San Giovanni: l’artista porta in scena la sua musica innovativa con melodie pop e ritmiche tipiche del jazz, soul e funk. L’esibizione di Ghemon, rapper nato ad Avellino e conosciuto, all’anagrafe, con il nome di Gianluca Picariello, avrà inizio a partire dalle ore 21:30 e sarà accessibile gratuitamente: tra i pezzi in programma, senza alcun dubbio troveranno spazio le tracce di Orchidee, album realizzato nel 2014 successivamente alla collaborazione con Neffa per il singolo “Dove sei”, contenuta all’interno del lavoro discografico del volto noto della musica italiana.

SCOPRI LE ULTIME SUI CONCERTI IN ITALIA

Nella giornata di domani, invece, spazio alla musica anni ’50 con un evento interamente dedicato a “Lollipop ’50”: dalle 19:30 fino a notte inoltrata, si ballerà al Carroponte Festival 2016 con la musica di mezzo secolo fa, riscoprendo i grandi successi e i passi di danza ormai sopiti. Anche in questo caso l’ingresso è a titolo gratuito con l’opportunità, per i clienti, di scegliere tra i diversi stand presenti a Sesto San Giovanni.

Film uscita giugno 2016, Friend Request – La morte ha il tuo profilo: il social che spaventa, trailer e trama

genocidio armeno

Genocidio armeno: l’ira di Ankara per il riconoscimento della Germania