in ,

Caso Bozzoli, news Beppe Ghirardini: incontro sospetto con collega prima di morire

Roberto e Giacomina, rispettivamente amico e sorella di Beppe Ghirardini, ieri pomeriggio sono stati raggiunti dai microfoni di La vita in diretta, ed hanno riferito particolari finora inediti circa i movimenti dell’operaio, morto per avvelenamento da cianuro 5 giorni dopo la scomparsa del suo titolare, Mario Bozzoli.

Giuseppe Ghirardini, raccontano i suoi familiari, la sera prima di sparire – era il 13 ottobre scorso – avrebbe avuto un insolito incontro con uno dei suoi colleghi, un operaio della fonderia Bozzoli di Marcheno, appunto. “La gente di Marcheno li ha visti, e ce lo ha riferito”, ha dichiarato in diretta tv l’amico Roberto, specificando che “Beppe non incontrava mai i colleghi fuori dal lavoro, i suoi amici, quelli che frequentava, erano i colleghi delle battuta di caccia, non gli operai della fonderia”.

Qui gli ultimi aggiornamenti sul giallo di Marcheno

Non è dato sapersi, al momento, se gli inquirenti siano al corrente di questo dettaglio non certo trascurabile ai fini dell’inchiesta. Chi è l’operaio che Ghirardini ha incontrato? Forse uno di quelli che oggi è indagato per l’omicidio dell’imprenditore scomparso? E soprattutto, se davvero l’insolito incontro ha avuto luogo, cosa avevano da dirsi?

In attesa che questi nodi siano sciolti, la sorella di Ghirardini oggi ha ribadito il concetto già espresso in diverse sedi televisive: “Beppe non si è suicidato. Qualcuno lo ha attirato a Case di Viso (nel comune di Ponte di Legno ndr) e poi lo ha ucciso, ne sono più che convinta”.

Umberto Eco funerale

Umberto Eco compie 84 anni: la sottile ironia del genio italiano

Zinedine Zidane Real Madrid

Real Madrid, il nuovo allenatore è Zidane: “Cercherò di vincere subito”