in ,

Caso Bozzoli news: omicidio pianificato da tempo?

Quello di Mario Bozzoli un omicidio studiato nei dettagli e premeditato da tempo. Questa l’ipotesi sempre più caldeggiata dagli inquirenti che dalla sera dell’8 ottobre sono impegnati nelle indagini sulla scomparsa dell’imprenditore bresciano, titolare, insieme al fratello e i nipoti, della fonderia di via Gitti a Marcheno.

Si tratta tuttavia di una pista investigativa non surrogata da fatti certi e tangibili, che finora può avvalersi esclusivamente di indizi. A carico dei 4 indagati nell’inchiesta – i fratelli, nipoti dell’imprenditore, Alex e Giacomo Bozzoli, e due dei loro dipendenti, Abu e Maggi – “un quadro indiziario molto pesante”, dicono gli inquirenti, ma non prove certe.

Intanto sono date come accreditate – ne scrive anche Il Giornale di Brescia – le indiscrezione che danno l’azienda Bozzoli a rischio default. Ci sarebbe infatti la concreta possibilità che la fonderia di Marcheno coli a picco perché, lo confermano i sindacati, “l’azienda rischia il fallimento e per i lavoratori queste sono feste di assoluta incertezza […] Non sappiamo che ne sarà della fonderia Bozzoli e quindi dei suoi dipendenti”.

La fabbrica di Marcheno è infatti chiusa da oltre due mesi, messa sotto sequestro perché oggetto di indagini: lì dentro gli inquirenti sperano di trovare le prove che Mario Bozzoli sia stato ucciso e gettato nel forno. Si attendono novità rilevanti dagli interrogatori dei nipoti dell’imprenditore – indagati per concorso in omicidio volontario e distruzione di cadavere – che saranno sentiti a inizio gennaio dal sostituto procuratore Alberto Rossi, e dai risultati delle analisi sulle scorie dei forni, di cui si sta occupando l’anatomopatologa Cristina Cattaneo.

Seguici sul nostro canale Telegram

Michael Schumacher condizioni di salute

Formula 1, Weber su Schumacher: ‘Mi impediscono di vederlo’

Capodanno 2016 last minute in Italia

Capodanno 2016 last minute: le offerte low cost in Italia che non avreste mai creduto