in ,

Caso Bozzoli news: sotto torchio i due operai indagati

Oscar Maggi e il senegalese Aboagye Akwasi detto Abu, i due operai della fonderia Bozzoli indagati per concorso in omicidio e distruzione di cadavere, sono in questo momento sotto interrogatorio, a Brescia.

I due dipendenti della fabbrica dove la sera dell’8 ottobre scomparve nel nulla uno dei titolari, Mario Bozzoli, sono fortemente sospettati. Loro, insieme a Beppe Ghirardini (deceduto in circostanze misteriose pochi giorni dopo la scomparsa del suo datore di lavoro) e ai due titolari, Alex e Giacomo Bozzoli, erano in fonderia nei minuti in cui l’imprenditore spariva. Maggi, già sentito tre volte dagli inquirenti come persona informata sui fatti, sarebbe stato l’ultimo a vedere in vita l’imprenditore, prima che i forni della fonderia alle 19.30 si attivassero a causa di una fumata anomala. Ciò fa ipotizzare agli inquirenti che i quattro indagati non possano non sapere che fine abbia fatto Mario Bozzoli.

A compromettere ulteriormente il quadro indiziario a carico dei due operai, i presunti movimenti di denaro sospetti sul loro conto corrente, ora al vaglio degli investigatori, e delle presunte intercettazioni a Maggi, che dopo la scomparsa del suo titolare avrebbe chiesto informazioni in giro sulle temperature di fusione del titanio.

I due dipendenti della fonderia Bozzoli di Marcheno sono sotto torchio da questa mattina, e in Procura molto probabilmente solo dopo le loro deposizioni saranno stabilite le date degli interrogatori degli altri due indagati, i fratelli Alex e Giacomo Bozzoli, nipoti e soci dell’imprenditore scomparso.

AMSA Milano lavora con noi

AMSA lavora con noi 2016: a Milano si cercano spalatori di neve

pink is good 2015, pink is good milano, tumore al seno, tumore al seno sintomi, tumore al seno prevenzione, tumore al seno si guarisce, tumore al seno come riconoscerlo, tumore al seno fiocco rosa,

Le donne di Pink is Good, intervista a Francesca: “I miei bambini sono stati la mia salvezza”