in ,

Caso Bozzoli, operaio interrogato: indiscrezioni su somme di denaro sospette

A qualche giorno dagli interrogatori dei due operai della fonderia Bozzoli, da dove l’8 ottobre scorso scomparve nel nulla l’imprenditore Mario Bozzoli, emergono le prime indiscrezioni sul faccia a faccia durato 5 ore, in caserma a Brescia, tra Oscar Maggi e gli inquirenti. Maggi è il dipendente della fonderia di Marcheno che per ultimo avrebbe visto Bozzoli in vita, e insieme al collega Abu (che, interrogato per 3 ore, ha liquidato i cronisti fuori dalla caserma con un perentorio “Non ho nulla da dire”), e ai suoi datori di lavoro, Alex e Giacomo Bozzoli, nonché soci e nipoti dell’imprenditore scomparso, è indagato per omicidio volontario in concorso e distruzione di cadavere. Tutti e quattro gli indagati erano in fabbrica quando, secondo la Procura, Bozzoli è stato ucciso e gettato in uno dei forni.

E proprio della strana fumata anomala in fonderia – che solitamente si verifica quando nel forno viene introdotto materiale di natura estranea rispetto alla fusione di ottone – poco dopo la scomparsa del suo titolare, stando alle indiscrezioni sarebbe stato chiesto chiesto conto a Maggi, l’addetto ai forni insieme a Beppe Ghirardini, morto in circostanze ancora da chiarire il 13 ottobre.

Riferisce Il Giornale di Brescia che Maggi, munito di planimetria dell’azienda per ricostruire fin nei dettagli tutti i suoi spostamenti la sera dell’8 ottobre, avrebbe dato ogni spiegazione in merito allo sblocco dei filtri e alla succitata fumata, rispondendo ad ogni domanda e chiarendo la sua posizione. “Spero che Mario sia vivo, perché è lui il pilastro dell’azienda”, avrebbe detto del suo titolare, giustificando poi la notevole disponibilità di denaro dopo la scomparsa di Bozzoli, con l’accredito sul suo conto corrente degli ultimi stipendi e della indennità di disoccupazione della moglie.

incendio doloso comune di comiso

Comiso, incendio doloso al Comune: piromane ripreso in un video

Stefano De Martino

Amici 15 anticipazioni: Stefano De Martino e Marcello Sacchetta tornano dal 4 gennaio 2016