in ,

Caso Loris Stival Quarto Grado, Veronica Panarello dichiara: “Ho paura di capire cose che non voglio. Se sono stata io, perché?”.

Il programma di Retequattro Quarto Grado ha dedicato ben due spazi all’interno della puntata di venerdì 20 novembre 2015 alle nuove rivelazioni di Veronica Panarello sulla morte del figlioletto di otto anni, Loris Stival. La donna ha confessato che il bambino si sarebbe stretto da solo una fascetta di plastica autobloccante attorno al collo e questo gesto lo avrebbe portato alla morte.

L’avvocato Francesco Villardita, difensore di Veronica Panarello ha sottolineato: “La Panarello parla di un incidente e io la difenderò per un incidente“. In studio è stato mandato in onda il colloquio tra Veronica Panarello e il marito Davide Stival, in cui la giovane madre di Santa Croce Camerina dice di voler accanto il marito, si sente lei affermare: “Ho paura di capire cose che non voglio. Se sono stata io, perché?”.

In altri filmati si vede Veronica Panarello durante il sopralluogo al canalone dove il piccolo Loris è stato ritrovato cadavere, che pronuncia la frase: “Mi sono tolta la vita sa sola” . Il professore Alessandro Meluzzi ha affermato: “Non escluderei l’ipotesi di una terza persona. In questo racconto non attendibile, ci sono spezzoni di verità” e lo psichiatra Massimo Picozzi che evidenzia: “Siamo passati da una donna che non ricordava nulla ad una donna che ricorda tutto. O c’è una patologia o Veronica sta mentendo”. Mentre Carlo Bernabei ha dichiarato: “Si può venire a sapere se le fascette sono state poste quando il bambino era in vita o quando era già morto”.

je suis paris

Strage Parigi ultime notizie a Quarto Grado: i parigini reagiscono alla paura, ma ecco come l’Isis arriva tra i giovani

Castle facebook

Programmi Tv stasera, 21 novembre: Castle e Mamma, ho riperso l’aereo