in ,

Caso Lucentis: il Ministero della Salute chiede un maxi risarcimento alle case farmaceutiche Roche e Novartis

1.200 milioni di euro: a tanto risale il risarcimento che il Ministero della Salute ha domandato alle case farmaceutiche coinvolte in comportamenti anticoncorrenziali a danno del Servizio sanitario nazionale.

lorenzin

Le aziende Roche, Novartis e Hoffman, in particolare, si sarebbero alleate creando un cartello  – “un’intesa orizzontale restrittiva”, così come definita dal Garante della Concorrenza – allo scopo di  vendere Lucentis, farmaco per curare la maculopatia molto più costoso dell’equivalente Avastin. Situazione analoga per Pfizer, anch’essa tenuta ad un risarcimento di 14 milioni per i comportamenti illeciti volti a favorire la commercializzazione dominante del collirio Xalatan al posto dei corrispondenti farmaci generici.

È la delibera dell’autorità dello scorso febbraio a stabilire che le società farmaceutiche coinvolte debbano risarcire tutti i danni patrimoniali e non arrecati ai malati e al Servizio sanitario nazionale. Intanto sia Roche che Novartis hanno fatto sapere che si tratta di una richiesta di risarcimento dalle “cifre irreali”.

(fonte: La Repubblica;

Written by Corinna Garuffi

Trentun anni, laureata in Scienze della Comunicazione, lavora da anni nel sociale. Da sempre alla ricerca di notizie inerenti al mondo del volontariato e alle opportunità offerte dell’Unione Europea, è anche appassionata di fotografia, arte e cucina. Indossa per la prima volta le vesti di blogger.

La Coca Cola è un buon contraccettivo? Le italiane ci credono ancora

Ricette light e veloci, il “tacchino allo zafferano e pompelmo” di Benedetta Parodi