in ,

Caso Piscaglia a Segreti e Delitti: padre Gratien annuncia svolta nelle indagini

Guerrina Piscaglia sarebbe stata uccisa tra le 13.46 e le 14.34, almeno secondo quanto ricostruito dalla Procura di Arezzo che ritiene responsabile del delitto, padre Gratien Alabi, in carcere dal 23 aprile. Sono 5 le persone che, tra le 13.30 e le 15 del 1° maggio 2014, sostengono di avere visto la casalinga di Ca’ Raffaello camminare a piedi lungo la via marecchiese, proprio nella fascia oraria in cui l’indagato si intrattiene a parlare in strada per circa 10 minuti con una parrocchiana, la quale ha dichiarato agli inquirenti di averlo trovato “tranquillo” come sempre.

Del caso si è discusso nella puntata di Segreti e Delitti: in studio c’era il nuovo legale del religioso, Francesco Zacheo, il quale ha dichiarato: “Il mio assistito vuole collaborare con gli inquirenti, mi ha detto “ho nuovi particolari da rivelare”, e parlerà da testimone, non certo da reo confesso”.

L’interrogatorio di padre Gratien avrà luogo in carcere il prossimo 28 luglio; il religioso congolese “dirà cose che cambieranno le indagini, completamente”, ha dichiarato il Consigliere dell’ambasciata del Congo che ha incontrato due volte il religioso in carcere. Durante la trasmissione il conduttore ha diffuso il contenuto di una lettera esclusiva che Gratien ha scritto di suo pugno, in lingua francese, nella quale si dichiara innocente. “Dimostrerò attraverso i fatti che tutto ciò che è successo è una macchinazione contro di me”, scrive padre Gratien lasciando intravedere una clamorosa svolta nelle indagini.

Ecco dicono le stelle della storia di vergine e cancro

Startup, Amore 2.0: Alcitour, la piattaforma che aiuta gli amori a distanza

Office per Mac

Microsoft Office 2016 per Mac: le nuove funzionalità di Windows su pc e notebook della Mela!