in ,

Caso Roberta Ragusa, Antonio Logli news accompagnatore misterioso: svelata identità

Si chiamerebbe Manuel il soggetto che avrebbe accompagnato Antonio Logli in via Gigli per fare un sopralluogo e delle verifiche nel punto esatto in cui il super testimone dell’inchiesta sul caso Ragusa, Loris Gozi, dice di aver visto l’uomo insieme alla moglie Roberta Ragusa, proprio nei minuti immediatamente precedenti la scomparsa della 44enne di Gello.

Manuel – stando alle indiscrezioni divulgate in merito, ieri, dalla trasmissione Pomeriggio 5 – sarebbe un collaboratore dell’Autoscuola ‘Futura’ di cui il marito di Roberta Ragusa è titolare. Esiste la possibilità che il Gup di Pisa Elsa Iadaresta, che dovrà giudicare Logli, sotto processo con rito abbreviato per omicidio volontario e distruzione di cadavere, decida di sottoporlo ad interrogatorio, giacché finora il signor Manuel non sarebbe mai stato sentito dagli inquirenti, e potrebbe essere custode di particolari fondamentali concernenti la scomparsa di Roberta Ragusa.

Leggi anche: Scomparsa Roberta Ragusa, padre Antonio Logli intercettato: “L’ha fatta fuori lui”

Manuel potrebbe essere infatti la stessa persona che accompagnò Logli, poche ore dopo la scomparsa di Roberta, proprio a casa di Loris Gozi, per chiedere, mostrando una foto della moglie, se l’avessero vista. Il super testimone però non è in grado di asserire se chi fece il sopralluogo con Logli in via Gigli e chi con lui bussò alla sua porta la mattina del 14 gennaio 2012 siano la stessa persona.

MANUEL COLLABORATORE LOGLI, FOTO TRATTA DA POMERIGGIO 5:

roberta ragusa news pomeriggio 5

“Il signor Manuel io lo conosco, mi fece ripetizioni di scuola guida per la moto” – queste le parole di Loris Gozi ieri ai microfoni di Pomeriggio 5 “Gli inquirenti pensano sia lui ad aver fatto la simulazione con Logli in via Gigli (fui io a vederli e a chiamare i Carabinieri), ma non sono in grado di dire con certezza che Manuel sia la stessa persona che venne a casa mia il 14 gennaio con il marito della signora Roberta, perché non fui io ad aprire la porta. Dicono che sia lui (Manuel ndr) perché c’è una telefonata (intercettata) in cui si mettono d’accordo per venire a casa mia ma non son sicuro, perché non l’ho visto con i miei occhi”.

smartphone malware

Problemi jailbreak iOS 10.1.1, 10, 10.2 Beta 3 e nuovo virus in video: iPhone 7, iPhone 7 Plus e i precedenti melafonini sono sotto attacco malware

naspi 2017 requisiti

Naspi 2017: durata e requisiti, ecco le novità da conoscere