in ,

Caso Ruby, conferma assoluzione di Berlusconi: “Sono felice, ora torno in campo”

È durata diverse ore la seduta della Cassazione che nella giornata di ieri doveva decidere se rendere definitiva l’assoluzione dell’ex premier Silvio Berlusconi dall’accusa di prostituzione minorile e concussione o se assecondare la richiesta del procuratore che richiedeva di annullare l’assoluzione, emanata lo scorso luglio, e rimettere il Cavaliere tra gli imputati nel caso Ruby.

Proprio il procuratore Scardaccione, ha definito in udienza “la violenza di Berlusconi grave, perdurante e inammissibile”. Secondo il pg, il Cavaliere “era consapevole che Ruby era minorenne, tanto è vero che il capo della scorta dell’ex premier, Estorelli, usa la parola affido parlando della ragazza”, sottolineando poi una smodata “passione per le minorenni nutrita da Silvio Berlusconi”.

I grandi giudici hanno deciso dunque di rendere definitiva l’assoluzione dell’ex premier: confermato dunque il proscioglimento di Silvio Berlusconi dall’accusa di prostituzione minorile e concussione. Il Cavaliere ha appreso la notizia dalla sua assoluzione dalla sua casa di Arcore: “Sono felice. È stata ribadita la mia innocenza. Io so cosa hanno combinato e cosa ho dovuto passare per un processo insensato e ingiusto. Ora aspetto buone notizie anche dalla Corte Europea. E sono pronto a tornare in campo”.

Isis: le immagini incredibili di un bambino di 10 anni che uccide una spia Israeliana.

Genny ‘a carogna torna in libertà