in ,

Caso Sarah Scazzi, pm chiede processo per Ivano Russo: “Mentì per coprire Sabrina”

Mercoledì 1° giugno avrà luogo l’udienza preliminare per il possibile rinvio a giudizio di Ivano Russo ed altre 11 persone, tra cui Michele Misseri accusato di autocalunnia, indagate nell’inchiesta bis sull’omicidio di Sarah Scazzi, avvenuto ad Avetrana (Taranto) il 26 agosto 2010.

Ivano, ne è convinto il pm del Tribunale di Taranto, avrebbe mentito in fase di indagini nel processo di primo grado, per coprire Sabrina Misseri (cugina della vittima), condannata all’ergastolo per l’omicidio insieme alla madre, Cosima Serrano, anche in secondo grado. Ivano Russo è accusato di false informazioni al pubblico ministero e falsa testimonianza davanti alla corte d’assise: in sostanza avrebbe ridimensionato la sua relazione con Sabrina per non dare prova dell’effettivo intreccio sentimentale che lo legava alle due ragazze, da cui sarebbe scaturito l’omicidio, stando alla magistratura.

Rischiano di finire nel banco degli imputati anche la madre di Ivano, Elena Baldari, il fratello Claudio e l’ex fidanzata Antonietta Genovino, che dichiararono agli inquirenti, mentendo, che nell’ora in cui avveniva il delitto Ivano era rimasto a casa, a letto per tutto il pomeriggio.

Pasqua 2017 Data

Pasqua 2016: idee originali per apparecchiare la tavola dei bambini

Tatuarsi fa bene alla salute dice la Scienza

Tatuarsi fa bene alla nostra salute, lo afferma la Scienza