in

Caso Yara, Bossetti ergastolo: l’annuncio agguerrito del suo avvocato Claudio Salvagni

Massimo Bossetti condannato all’ergastolo anche in Cassazione. A pochi giorni dal deposito delle motivazioni della sentenza, l’avvocato del muratore di Mapello, Claudio Salvagni, ha detto la sua ai microfoni di La vita in diretta. “Senza la possibilità di una super perizia sul Dna, io non faccio un atto di fede sulle parole dei giudici perché non sono degli dei ma uomini, e possono sbagliare anche loro”. Questo in sostanza il pensiero del difensore di Bossetti, il quale si è sempre detto convinto della innocenza del suo assistito.

Massimo Bossetti Cassazione, intervista esclusiva di UrbanPost all’avvocato Bocciolini: chiarimenti su Dna, perizia negata e prova regina

“Per Massimo Bossetti faremo ricorso alla Corte di Strasburgo”, ha fatto sapere Salvagni, dimostrando di non considerare affatto ‘chiusa’ la vicenda giudiziaria nonostante nei confronti del carpentiere bergamasco sia stata emessa una condanna definitiva. Il legale ha lasciato aperta una porta rievocando il precedente caso di Olindo Romano e Rosa Bazzi e i relativi reperti mai analizzai prima. Il legale di Bossetti è apparso molto critico nei confronti delle motivazioni della sentenza, bollando come “suggestivi” i dati citati nella relazione per dimostrare che il Dna di Ignoto 1 è senza alcun dubbio quello di Bossetti. In quella traccia – rinvenuta inevitabilmente degradata dopo 3 mesi dal delitto – manca infatti il Dna mitocondriale “e questo nessuno lo ha mai saputo spiegare”, ecco perché “Il signor Bossetti ha sempre chiesto che venisse fatta una super perizia per potersi difendere”. “Voglio partecipare a una nuova perizia, voglio vedere i risultati davanti a me”, ha proseguito, spiegando che vorrebbe vedere i reperti che non sono stati mostrati alla difesa e capire se si potrà trovare qualcosa di nuovo, e precisando che la sentenza della Suprema Corte lede i diritti dell’uomo e, nel caso di specie, a Bossetti non sarebbe stato concesso il diritto di difendersi.

BOSSETTI LETTERA AI GIUDICI DI BRESCIA

A otto anni esatti dalla scomparsa di Yara Gambirasio, Salvagni ha palesato l’intenzione di fare ricorso alla Corte europea dei diritti dell’uomo di Strasburgo. “Riteniamo questa sentenza in violazione della convenzione dei diritti dell’uomo perché non è stato rispettato il diritto di difesa quindi ricorreremo a Strasburgo”, Le sentenze della Suprema Corte di Cassazione non sono distillati di verità, anche loro sbagliano. Sono umani, ma la scienza è scienza: una cellula senza Dna mitocondriale non esiste. Bossetti non si è potuto difendere perché non ha mai partecipato a nessuna perizia. Io gli atti di fede li faccio in chiesa. Io non mi fido e voglio partecipare alle perizie, non mi interessa dei risultati”. 

Leggi anche: Caso Yara Bossetti Cassazione, motivazioni sentenza: il perché della condanna all’ergastolo, smantellata tesi difesa

Terremoto oggi Piacenza Ferriere

Terremoto oggi Piacenza, scossa magnitudo 3.2 a Ferriere

Professione croupier: tante le richieste all’estero