in ,

Caso Yara, difesa Bossetti perde ‘pezzi’: periti informatici abbandonano pool

Il team difensivo di Massimo Bossetti perde ‘pezzi’: è di ieri sera l’indiscrezione secondo la quale due periti informatici avrebbero lasciato l’incarico. Si tratterebbe dei consulenti Giuseppe Dezzani e Paolo Dal Checco, esperti di fama facenti parte dello studio Difob (Digital forensics bureau) di Torino, già consulenti di parte della Costa Crociere nella perizia sulle scatole nere della nave Concordia, e della Procura di Asti, nel processo sull’omicidio di Elena Ceste a carico di Michele Buoninconti.

Un duro colpo, questo, per il muratore di Mapello, che oggi sarà in aula a Bergamo per una nuova udienza del processo sull’omicidio di Yara Gambirasio nel quale è unico imputato. Proprio oggi, venerdì 19 febbraio, si discuterà infatti dei pc sequestrati al carpentiere, nei quali in sede di indagini informatiche sarebbero emerse scabrose ricerche web riconducibili alla vittima. Nello specifico si dibatterà delle compromettenti chiavi di ricerca che sarebbero state digitate sul computer dell’imputato, corroborate dalle deposizioni dei consulenti dell’accusa.

I consulenti informatici dl pool difensivo di Bossetti ‘lasciano’ dunque in una fase cruciale del processo, proprio a ridosso della udienza in cui avrebbero dovuto deporre come consulenti di parte. Perché? Non intendiamo rilasciare dichiarazioni, e precisiamo che non ci sono stati dissapori o diversità di vedute con la difesa di Bossetti”, ha detto al riguardo Giuseppe Dezzani, raggiunto telefonicamente da L’Eco di Bergamo.

Dove vedere Chievo-Bologna

Verona – Chievo: probabili formazioni e ultime news, 26a giornata Serie A

Lorenzi ATP Quito

Tennis, ATP Rio de Janeiro: Lorenzi fuori con Delbonis