in ,

Caso Yara Gambirasio, Bossetti in aula: “Il Dna non è il mio, tirate fuori vere prove”

Nuova giornata in aula per Massimo Bossetti nell’ambito del processo per l’omicidio di Yara Gambirasio; il muratore continua a negare di essere coinvolto nell’assassinio della ragazzina e attacca gli inquirenti affermando che le prove che lo inchioderebbero non sarebbero attendibili, in particolare quella del Dna trovato sul corpo di Yara che non combacerebbe con il suo.

“IDna trovato sugli abiti di Yara non mi appartiene. E’ un Dna strampalato che per metà non corrisponde. Tirate fuori le vere prove” riportano i colleghi di Tgcom24.it; il muratore di Mapello poi continua così:E’ dal giorno del mio arresto che mi chiedo come sono finito in questa vicenda. Non ho fatto niente e voi lo sapete”

Nel prosieguo dell’interrogatorio davanti alla Corte d’Assise di Bergano, Bossetti ha successivamente negato di aver mai cercato tredicenni su internet, ammettendo però di aver cercato a volte con la moglie siti pornografici, così come aveva raccontato la consorte Marita Comi nei giorni scorsi.

pasqua pranzo

Pasqua 2016 pranzo di carne: ricette veloci per un menù facile da preparare

Giornate FAI 2016 a Bologna e in Emilia-Romagna

Giornate FAI 2016 di primavera, a Bologna e in Emilia-Romagna: i luoghi da scoprire il 19 e 20 marzo