in ,

Caso Yara, lettere scabrose di Bossetti a detenuta: la Corte deciderà di ammetterle al processo?

Sarà un’udienza molto importante, quella di venerdì 22 aprile, sul processo Yara Gambirasio, che vede unico imputato il muratore di Mapello, Massimo Bossetti. La Corte d’Assise di Bergamo sarà infatti chiamata a pronunciarsi in merito alle richieste delle parti: i legali di Bossetti hanno chiesto siano effettuate 5 nuove perizie, in primis quella sul Dna, perno dell’impianto accusatorio, il pm Letizia Ruggeri che siano acquisite agli atti del processo le lettere scabrose a chiaro contenuto sessuale che il detenuto Bossetti si scambierebbe da mesi con una detenuta di nome Gina, che non avrebbe mai conosciuto di persona.

Se per gli avvocati Camporini e Salvagni quelle missive sono del tutto irrilevanti ai fini dell’inchiesta, per il pm invece il loro contenuto sarebbe “significativo di una certa personalità dell’imputato”, giacché su quelle pagine Massimo Bossetti avrebbe scritto certe frasi che per le parole scelte sarebbero riconducibili alle presunte chiavi di ricerca a sfondo pedopornografico su Google effettuate dal suo pc, che la Procura ha utilizzato come prova di colpevolezza a suo carico.

>>> LEGGI TUTTI GLI ARTICOLI SUL CASO YARA 

Di queste presunte lettere a luci rosse si è parlato venerdì scorso anche a Quarto Grado: pare che l’imputato si sia lasciato andare a descrizioni fin troppo dettagliate dei suoi gusti sessuali, facendo riferimento a particolari scabrosi inerenti alle parti intime femminili. Quelle parole, ora, vorrebbe impugnarle il pm Ruggeri, per fortificare il suo impianto accusatorio. Cosa deciderà il giudice della corte, Bertoja?

Dove andare tra il 25 aprile e il 1° maggio? Street food festival

Dove andare tra il 25 aprile e il 1° maggio 2016? Gli Street Food Festival da non perdere

fragole broccoli cibi contaminati

Cibi contaminati lista Coldiretti: da fragole a broccoli