in ,

Caso Yara, Massimo Bossetti e Marita Comi nella bufera: apparizioni tv e lauti compensi, l’intercettazione

Caso Yara ultime notizie: Massimo Bossetti e Marita Comi, si torna a parlare di loro. A pochi giorni dal deposito delle motivazioni della sentenza d’appello che ha confermato l’ergastolo per il muratore di Mapello, desta scalpore il contenuto di una intercettazione ambientale fatta all’uomo nel novembre 2014 mentre parla in carcere con la moglie. A riportarla in auge è Selvaggia Lucarelli sul Fatto Quotidiano di oggi: la coppia parla dei compensi elargiti a Marita Comi per presenziare in tv per difendere il marito, Marita spiega a Bossetti quanto hanno guadagnato con quelle interviste e lui, freddamente, la sprona a farne altre per ottenere un guadagno quanto più alto possibile.

Lo scambio tra i coniugi è riportato nel virgolettato: “La nostra quota è sempre sui 25 mila a Matrix […] Se viene fuori un’altra occasione io farei di tutto Marita, […] loro stanno tentando di farti fare le interviste…”. “C’ho litigato io con Claudio (Claudio Salvagni legale di Bossetti, ndr) che poi è anche uno pieno di soldi tra parentesi”, risponde Marita al muratore, che all’epoca della intercettazione (erano i primi di novembre 2014) era già al quinto mese di detenzione. A quel punto Bossetti spiega alla moglie che i soldi delle ospitate deve ‘girarli’ al loro avvocato, Salvagni appunto: “Gliel’ho detto, quelli che mi arrivano di Matrix, glieli giro a loro. Sai quanti vorrebbero assumersi il mio caso? Mi conoscono in tutta Italia. È il caso più pagato fuori dalla Elena Ceste. Il primo mese non si preoccupi lavoro gratis, il secondo devo pagare“.

>>> Caso Yara news condanna Bossetti, per la Corte il muratore ha smentito se stesso: il particolare che lo ha incastrato <<<

Oggi la Lucarelli è tornata sulla vicenda, citando il passaggio delle motivazioni della sentenza con cui i giudici della Corte d’Assise d’appello di Brescia hanno espresso la loro convinzione assoluat che il responsabile dell’omicidio di Yara Gambirasio sia proprio lui, Massimo Bossetti. I giudici nelle 367 pagine depositate della sentenza commentano duramente: “Stanno parlando (Bossetti e Marita ndr) del vantaggio economico che possono trarre dal processo con memoriali e ospitate poi effettivamente avvenute. L’atteggiamento psicologico di Bossetti non è certo quello di colui che è disperato e che proclama la sua innocenza […] ma quello di chi cerca di gestire a suo vantaggio il clamore mediatico sorto dalla vicenda”.

Al riguardo, è impietoso l’affondo della Lucarelli: “Insomma, i giudici sembrano dire: ‘Avete urlato, gridato, strepitato, avete accusato chi ha fatto le indagini fuori e dentro i laboratori di avere barato, ma alla fine non avevate in mano niente’. Gli aggettivi ‘fantasiose, irrazionali, irrealistiche’ si ripetono mentre smontano le tesi della difesa di Bossetti”.

Ultimi sondaggi elettorali: quali intenzioni di voto degli italiani alle politiche 2018? (FOTO)

catalogna sì a indipendenza dalla spagna

Catalogna, Parlament approva indipendenza, Rajoy: “Atto criminale, reagiremo”