in ,

Caso Yara, Massimo Bossetti tentò fuga il giorno dell’arresto: la sua posizione sempre più vacillante

Sempre più labile e vacillante la situazione di Massimo Giuseppe Bossetti. Dopo che sua madre Ester Arzuffi ha definitivamente perso ogni credibilità, visto che gli inquirenti hanno scoperto che anche il suo terzo figlio è illegittimo, anche il muratore di Mapello risulta sempre più inattendibile.

Pare infatti che il 19 giugno scorso, giorno in cui fu arrestato, alla vista dei carabinieri in arrivo perse la calma e tentò di scappare, lanciandosi dal secondo piano del cantiere. Il pm che si occupa del suo caso, Letizia Ruggeri, lo ha più volte incalzato al riguardo durante gli interrogatori, ma la sua risposta è stata poco convincente: “Ho visto i carabinieri dal ponteggio, da sopra, da sotto. Ho avuto paura di essere portato via come uno spacciatore di droga”.

Ebola parla per

Ebola, ultimi aggiornamenti 4 ottobre: morto per i medici, si risveglia nel sacco

Oktoberfest ragazzo violentato da 2 uomini

Germania, shock all’Oktoberfest: ragazzo inglese violentato da 2 uomini mentre fa pipì tra i cespugli