in ,

Caso Yara news: acquisto ‘sospetto’ compromette posizione Massimo Bossetti

Il 3 luglio prossimo inizierà il processo a Massimo Bossetti, il muratore bergamasco in carcere dal 16 giugno 2014 perché fortemente sospettato di avere assassinato la 13enne di Brembate Sopra, Yara Gambirasio. Gravi indizi di colpevolezza pendono a suo carico, tra questi in primis la traccia del suo Dna rinvenuta sul corpo della vittima e i video delle telecamere che riprenderebbero il suo furgone Iveco Daily aggirarsi intorno alla palestra di via Rampinelli, a Brembate, proprio nell’arco di tempo in cui la sera del 26 ottobre 2010 la giovane fu prelevata dal suo killer, mentre a piedi si apprestava a rincasare.

I movimenti ‘sospetti’ del muratore di Mapello sono stati scandagliati dagli inquirenti durante le lunghe indagini, e tra questi ve ne sarebbe uno di particolare rilevanza in quanto collocherebbe il presunto assassino proprio nel luogo in cui Yara fu ritrovata morta. Ce ne dà notizia, in esclusiva, il settimanale Giallo. Massimo Bossetti avrebbe fatto un acquisto “sospetto” in una ditta di Chignolo d’Isola, proprio nei giorni successivi al delitto della ragazzina, in una zona vicina al luogo del ritrovamento del suo cadavere.

La fattura contestata all’indagato risale al 9 dicembre 2010 e attesta l’acquisto di un metro cubo di sabbia; al riguardo il muratore non avrebbe saputo spiegare il perché di quell’acquisto in quella ditta, giacché all’epoca dei fatti non aveva alcun cantiere edile in corso in quella zona. Nemmeno il cognato di Bossetti, suo collega di lavoro, ne avrebbe saputo giustificare il motivo. Dalle 60mila pagine dell’inchiesta sull’omicidio di Yara Gambirasio – lo riporta Giallo – sarebbe emerso questo importante dettaglio. In sede di dibattimento l’imputato Bossetti dovrà, tra le altre cose, spiegare ai giudici della Corte d’Assise perché comprò quel materiale in una ditta fuori mano rispetto al suo cantiere di lavoro, ditta presso la quale né lui ne i suoi colleghi erano soliti rifornirsi. La “Edilbonacina” si trova infatti nelle immediate vicinanze del campo di Chignolo d’Isola, dove il corpo mummificato di Yara fu ritrovato 2 mesi dopo il delitto.

belen rodriguez ricorda i nonni

Belen Rodriguez news, confessione shock sul suo video a luci rosse: “E’ stata una violenza orrenda”

Berlusconi Ancelotti

Milan News: Berlusconi confida in Ancelotti e intanto Mr Bee si rifà sotto