in ,

Caso Yara news: Bossetti chiede macchina della verità

Da quanto emerso ieri durante la trasmissione di Rete 4, “Quarto Grado”, in merito all’approfondimento sul caso Yara, il presunto assassino della 13enne, Massimo Giuseppe Bossetti, in cella di isolamento da oltre due mesi, chiede a gran voce di poter dimostrare la sua estraneità ai fatti, sottoponendosi – extrema ratio – alla macchina della verità.Caso Yara Bossetti news

In attesa che i legali del carpentiere bergamasco, Silvia Gazzetti e Claudio Salvagni, presentino l’istanza di scarcerazione per il loro assistito, prevista per i primi giorni della prossima settimana, vi è qualche indiscrezione in merito alle indagini ancora in fieri: gli inquirenti non avrebbero a tutt’oggi alcuna conferma assoluta della reale presenza del muratore sul posto di lavoro, il 26 novembre 2010, giorno della scomparsa di Yara Gambirasio. Inoltre – sempre stando a quanto riportato da “Quarto Grado”, i test con luminol fatti sull’auto dell’indagato, avrebbero rivelato la presenza di tracce ematiche appartenenti proprio a lui.

Quella entrante sarà una settimana portatrice di novità che faranno luce sul punto della situazione delle indagini e sul destino di Bossetti. Frattanto il gip Ezia Maccora – la stessa che a giugno convalidò il fermo per Bossetti – sarà chiamata in causa per decidere se far scarcerare o no colui che, ad oggi, risulta essere l’unico sospettato di avere ucciso la giovane ragazzina di Brembate.

Calciomercato news: Ronaldinho in Messico, è ufficiale

Calciomercato Inter Matic

Inter news: Ausilio fa il punto sul mercato