in ,

Caso Yara, news Bossetti a Quarto Grado: risolto giallo acquisto sabbia a Chignolo

Risolto il giallo dell’acquisto sospetto di un metro cubo di sabbia mista, fatto da Massimo Bossetti il 9 dicembre 2010, pochi giorni dopo l’omicidio di Yara Gambirasio, presso la ditta Edilbonaccina, a poca distanza dal campo di Chignolo d’Isola, dove fu ritrovato il corpo della ginnasta uccisa.

Per gli inquirenti quella bolla di acquisto avrebbe significato il ritorno sul luogo del delitto da parte del presunto assassino, per tenere sotto controllo la situazione. Durante l’ultima udienza del processo a carico del muratore bergamasco, il mistero di quell’acquisto sarebbe stato risolto. L’architetto Sergio Trivella, chiamato a testimoniare in udienza, ha infatti dichiarato che proprio in quei giorni Bossetti lavorava nel cantiere di Bonate, a 5 km da Chignolo, da lui coordinato.

>>> leggi tutto sul caso Yara Gambirasio

Il teste ha fornito ai giudici anche la prova di ciò: un’agenda sui lavori effettuati in cantiere in quei giorni, e diversi scatti fotografici di Bossetti durante il lavoro. Il cantiere fu aperto il 6 dicembre 2010 e Bossetti il 9 ebbe necessità di acquistare su commissione della sabbia mista per ultimare un marciapiede di una villetta in costruzione. A ribadirlo i legali del muratore, Salvagni e Camporini, presenti in studio.

omicidio lidia macchi news quarto grado

Omicidio Lidia Macchi, ultime notizie a Quarto Grado: il mistero della borsa scomparsa

Ce Posta Per Te facebook

Programmi Tv stasera 23 gennaio 2016: C’è posta per te e Castle