in ,

Caso Yara news, il giallo dei calzini imbrattati di sangue: dettagli inediti su dichiarazioni Ris

Caso Yara news: in attesa che il prossimo 30 giugno abbia inizio a Brescia il processo d’Appello a carico di Massimo Bossetti, il carpentiere bergamasco condannato in primo grado all’ergastolo per il delitto della 13enne di Brembate, emergono nuovi particolari sulle indagini. A riportarli in luce il settimanale Oggi.

Da una dichiarazione dei Ris agli atti dell’inchiesta nuovi dubbi sulla scena del crimine e sul ritrovamento del corpo della vittima“I calzini dentro le scarpe erano sporchi del suo stesso sangue”. Elemento, questo, che non collima con il fatto che la ragazzina quando fu rinvenuta indossasse le scarpe e non avesse ferite ai piedi. Quelle tracce di sangue furono analizzate dai Ris, i quali chiarirono che “è stato possibile estrapolare un unico profilo genotipico femminile riconducile a Yara da ambedue i prelievi effettuati in corrispondenza delle tracce ematiche”.

>>> TUTTO SUL CASO YARA CON URBANPOST <<<

Il dubbio al riguardo qual è? Che Yara quando è stata aggredita non indossasse le scarpe e che poi qualcuno o lei stessa le abbia rimesse in fretta, perché furono trovate con le stringhe slacciate. Tutti elementi questi che, a detta di quanto riporta Oggi, evidenziano quante lacune investigative non siano mai state chiarite nel primo processo, prima fra tutte quella che riguarda il campo di Chignolo d’Isola: Yara fu aggredita lì dove il 26 febbraio 2011 fu rinvenuta oppure in un altro luogo e solo dopo abbandonata in quel campo? Anche un poliziotto il giorno del ritrovamento del corpo di Yara avrebbe dubitato che il cadavere si trovasse lì da mesi, secondo la suddetta indiscrezione giornalistica.

 

Fortunata Trailer, Sergio Castellitto al Festival di Cannes: ecco trama, cast, uscita (VIDEO)

on the milky road bellucci kusturica

On The Milky Road recensione: il film di Emir Kusturica arriva al cinema in Italia