in ,

Caso Yara news Massimo Bossetti: immagine satellitare smentisce i suoi avvocati? Nuova foto

Caso Yara, ultime notizie processo Massimo Bossetti: si sta facendo un gran parlare da giorni circa la foto satellitare scattata sul campo di Chignolo d’Isola il 24 gennaio 2011 (un mese prima che lì venisse ritrovato casualmente il corpo in decomposizione della ginnasta di Brembate) che per i difensori del muratore di Mapello dimostrerebbe che in quella data il cadavere della vittima su quel campo non c’era, giacché dalla immagine non si evincerebbe.

Quella foto è stata motivo di acceso scontro, lunedì scorso nell’aula della Corte d’Assise di Brescia dove si sta svolgendo il processo d’appello a Bossetti, tra i suoi difensori e l’avvocato della parte civile. Aspramente contestata la foto a corredo della immagine satellitare addotta dai legali di Bossetti, per ‘rafforzare’ la tesi difensiva secondo cui il corpo di Yara sarebbe stato portato in quel campo in un secondo momento, dopo il delitto, e giudicata “tarocchissima” dall’avvocato di parte civile Pezzotta.

Foto satellitare Chignolo d’Isola 24 gennaio 2011

 

Caso Yara news Bossetti, scontro in aula tra difesa e parte civile per foto satellitare Chignolo: “Tarocchissima”

Ebbene, il settimanale Giallo oggi ha pubblicato quella stessa immagine, chiarificata, per smentire la tesi della difesa. Ecco la foto in questione:

L’articolo a cura di Albina Perri indica una macchia nella immagine in oggetto che corrisponderebbe proprio al cadavere della povera vittima: “Vi ricordo che Yara è stata ritrovata con la testa verso la provinciale 160, e i piedi rivolti verso la strada sterrata. Vi faccio notare inoltre che questi pochi punti scuri riempiono uno spazio che è circa la metà della stradina, larga tre metri. E Yara era alta un metro e mezzo. È lei? È probabile, tutto coincide. Se non altro non si può dire che sicuramente non ci sia”, queste le parole della giornalista di Giallo. Se dunque non v’è certezza che quel puntino nero sgranato sia il corpo di Yara, non si può nemmeno dire che il corpo in quel campo non vi fosse un mese prima del ritrovamento, giacché la risoluzione di quella immagine (costellata di altre macchie nere simili) non consente di accertarlo.

San Teodoro omicidio Erika Preti fidanzato: suo pool difensivo 2 ore nella villetta del delitto, cosa cercava?

TERNATE ESPLOSIONE IN DITTA DUE FERITI

Sicilia incendi, fiamme in villaggio turistico a San Vito Lo Capo: turisti evacuati via mare