in ,

Caso Yara processo: criminologo difesa solleva sospetti su custode palestra

Si è aperta con le scintille la nuova udienza del processo a carico di Massimo Bossetti, quest’oggi in Corte d’Assise a Bergamo, dopo che venerdì scorso la medesima era stata interrotta a causa di una bagarre scoppiata tra i legali di accusa e difesa. Ancora al centro dell’attenzione le perizie sul furgone redatte da Ezio Denti, il criminologo della difesa di Massimo Bossetti, che avrebbe evidenziato diverse ‘falle’ nel metodo di lavoro degli inquirenti, obiettando il modus operandi dei carabinieri del Ros nella estrapolazione dei video del furgone che collocherebbe il muratore bergamasco a Brembate, proprio nei pressi della palestra da cui scomparve la piccola Yara la sera del 26 novembre 2010.

Folla in aula e fuori dal Tribunale: anche oggi il presidente della Corte, Bertoja, ha invitato i presenti al rispetto delle regole comportamentali che si confanno ad un’aula di tribunale, avvertendo gli astanti con parole inequivocabili: “Non tollereremo più comportamenti oltraggiosi. È l’ultimo avviso alle parti e al pubblico: non sono ammessi comportamenti oltraggiosi nei confronti della Corte e pregiudizievoli per i lavori”.

È dunque ripreso il dibattimento in Aula: attenzione tutta puntata sul teste Ezio Denti, che “ha presentato un elenco di otto camioncini individuati a caso da lui nella Bergamasca, che non figurerebbero tra quelli presi in esame dagli inquirenti”, prova a suo dire che la Procura non avrebbe lavorato correttamente nel fare l’analisi dei filmati delle videocamere di sorveglianza, se davvero quegli 8 mezzi sono sfuggiti alla sua attenzione. Non solo, il criminologo del pool difensivo di Bossetti avrebbe sollevato dei dubbi circa la attendibilità della testimonianza data dal guardiano della palestra frequentata da Yara, evidenziando una incongruenza sull’orario di uscita dal centro sportivo fornito dall’uomo agli inquirenti. I sedili del furgone in suo possesso – ha inoltre evidenziato Denti – sarebbero compatibili con le fibre colorate ritrovate sul corpo della vittima, e ciò dimostrerebbe che non solo quelle dell’autocarro dell’imputato, dunque, sarebbero similari ai filamenti trovati sul corpo della ginansta.

Cristiana Capotondi

Le Iene conduttori: Ilary Blasi sostituita da Cristiana Capotondi? No, ecco come sono andate le cose

rinnovo patente ultime notizie

Patente di guida nuovo decreto: mai più concessa a chi soffre di apnee notturne e turbe psichiche