in ,

Caso Yara processo: la madre di Massimo Bossetti non testimonierà in suo favore

Il 3 luglio 2015 inizierà in Corte d’Assise a Bergamo il processo a Massimo Bossetti, accusato dell’omicidio di Yara Gambirasio. Sono 711 le persone chiamate a testimoniare dalla difesa del muratore bergamasco ma, inaspettatamente, tra loro non c’è la madre, Ester Arzuffi.

La donna, che con il suo Dna indirettamente ha permesso agli inquirenti di risalire alla identità di Ignoto 1 figlio di Giuseppe Guerinoni, ovvero suo figlio Massimo Bossetti, ha sempre negato di avere avuto una relazione extraconiugale con l’autista di Gorno morto nel ’99, anche se la scienza la smentisce ineluttabilmente. E anche Bossetti glielo disse in carcere: “Mamma, la scienza non sbaglia! Lì non puoi mentire!”.

Ester Arzuffi prenderà comunque parte al processo che vedrà imputato il figlio, in quanto sarà chiamata a testimoniare dall’accusa. La donna figura infatti nell’elenco presentato dal pm Letizia Ruggeri e in sede di dibattimento sarà certamente chiamata a ricostruire, passo per passo, la sua verità. Ester Arzuffi dovrà dare spiegazioni in merito alla compromettente intercettazione in mano alla Procura, e nel farlo potrebbe con le sue parole inchiodare involontariamente il figlio alle sue responsabilità.

Palinsesti Mediaset Autunno 2015: ecco tutti i programmi nuovi

Europei Under 21: ecco i 10 talenti più forti