in ,

Caso Yara processo news: i genitori della ginnasta testimonieranno l’11 settembre

Il prossimo 11 settembre si riaprirà dopo la pausa estiva il processo a Massimo Giuseppe Bossetti, il muratore bergamasco accusato dell’omicidio di Yara Gambirasio, la 13enne di Brembate sequestrata e uccisa il 26 novembre 2010 e ritrovata cadavere il 26 febbraio 2011.

Ieri durante la diretta di Pomeriggio 5, il criminologo Ezio Denti, facente parte del pool difensivo del carpentiere, ha ribadito l’innocenza di Bossetti, accusando di inconsistenza il quadro accusatorio a suo carico messo in piedi dalla procura di Bergamo e confermando che il muratore abbia davvero tentato di suicidarsi in carcere. Denti, che a fronte della analisi sulla sim telefonica della vittima di recente ha sollevato ulteriori dubbi sul fatto che l’aggressione mortale alla ginnasta sia avvenuta nel luogo del ritrovamento del corpo, ovvero il campo di Chignolo d’Isola, proprio in sede di processo chiederà insieme ai colleghi difensori di visionare e fotografare tutti i reperti in mano agli inquirenti.

“Sono stati analizzati” – queste le parole del criminologo – “la carta sim, la batteria del telefonino e l’Ipod per verificare un deterioramento legato a quel lungo periodo all’aperto? Ci risulta che non sia stata effettuata nessuna prova per accertare quanta carica sopravvivesse nella batteria. All’aperto, si sarebbe ossidata. Se invece avesse conservato una carica, si dovrebbe pensare che è stata, almeno per qualche tempo, in un luogo protetto“. Intanto c’è attesa per la deposizione di Maria e Fulvio Gambirasio nella prossima udienza: i genitori della piccola Yara saranno infatti chiamati a testimoniare al processo.

Lazio rosa completa 2015/2016 e numeri di maglia

Milan News

Milan rosa completa 2015/2016 e numeri di maglia