in ,

Caso Yara processo news: scintille in aula su integrazione ‘dati grezzi’ Dna

Scintille stamani nell’aula del tribunale di Bergamo dove sta avendo luogo un’altra udienza del processo a carico di Massimo Bossetti, il muratore bergamasco 45enne accusato dell’omicidio della giovane Yara Gambirasio. L’acceso scontro tra accusa e difesa tutto incentrato sulla integrazione dei ‘dati grezzi’ sul Dna – quelli che sono poi confluiti nella relazione del Ris che ha condotto le indagini, da cui è scaturita la incriminazione del carpentiere (Ignoto 1) – richiesti dalla difesa di Bossetti per valutare il metodo di lavoro adottato dalla Procura e riscontrare la eventuale presenza di anomalie nel procedimento seguito.

La succitata integrazione c’è stata, sì, ma evidentemente non ha soddisfatto i legali dell’imputato che hanno in apertura del dibattito immediatamente sollevato quattro eccezioni. Tra queste la richiesta di inutilizzibilità degli stessi in quanto ritenuti inattendibili. “Noi dubitiamo che questi dati siano genuini. Prima i Ris hanno dichiarato che i dati erano tutti emersi, ora ne hanno aggiunti il 400 per cento in più” – così l’avvocato Claudio Salvagni rivolgendosi alla Corte – “È stato trovato un sistema per fare vedere dall’accusa alcuni dati e altri no, il modus operandi di questa procura non ci permette di operare e quindi dubitiamo dei dati grezzi”.

>>>> Leggi tutti gli articoli sul Caso Yara Gambirasio

Repentina la replica del pm Letizia Ruggeri, oggi affiancata anche dal procuratore di Bergamo, Francesco Dettori: “Tutti i dati sono stati acquisiti e depositati in maniera regolare e già analizzati in Cassazione, al Tribunale del Riesame, dal gip e dal gup. I dati aggiunti sono 15-18 e chiediamo la trasmissione del verbale dei due legali all’ufficio del pm perché le accuse su come ha operato la procura sono al limite della calunnia”.

Spetterà ora alla Corte ascoltare i due colonnelli dei Ris di Parma sul metodo di indagine scientifica adottato e valutare se accettare o meno la succitata integrazione. Ma i legali di Bossetti hanno già messo le mani avanti, annunciando di non contro-interrogare i test: “Rinunciamo al contro-esame perché non ci fidiamo”.

natale 2015, regali di natale 2015, regali di natale 2015 bambini, regali di natale 2015 tecnologici, idee regalo natale 2015 bambini,

Regali di Natale 2015: 5 giochi tecnologici perfetti per i più piccoli

startup italia yamgu organizzare viaggi

Startup Italia, organizzare viaggi con YAMGU: il social travelling per viaggiare in modo smart