in ,

Caso Yara processo news: videocamera-spia davanti alla sua tomba

Quando il presidente del tribunale di Bergamo, Antonella Bertoja, stamani ha invitato il pubblico ad uscire dall’aula della Corte d’Assise per le immagini troppo cruente proiettate nello schermo, che ritraevano i drammatici momenti del rinvenimento del cadavere decomposto di Yara Gambirasio, Massimo Bossetti ha guardato impassibile quelle foto.

Il carpentiere bergamasco unico imputato al processo, non sarebbe rimasto affatto turbato da quella visione. Masticando chewingum ha guardato le immagini del cadavere decomposto e ascoltato attentamente le parole dell’anatomopatologa Cristina Cattaneo, che ha effettuato i rilievi e l’analisi sul corpo, arrivando alla conclusione che la giovane ginnasta sia stata uccisa laddove fu ritrovata, nel campo di Chignolo d’Isola. Ne sarebbe la prova la mano destra scheletrica che afferra un ciuffo d’erba, prova del fatto che l’ultima attività vitale della 13enne sarebbe avvenuta proprio in quel luogo.

Durante l’udienza di oggi è emerso un altro dettaglio sulle indagini: tra gli strumenti utilizzati dalla Procura di Bergamo per arrivare all’assassino della ragazzina, anche una videocamera installata davanti alla tomba della 13enne, nel cimitero cittadino di Brembate Sopra, per sorvegliare la zona e le persone recatesi in loco per lasciarle un fiore. Gli inquirenti hanno filmato il via vai di persone da maggio 2011 fino all’arresto di Bossetti, che non è mai apparso davanti a quell’obiettivo.

daniele bruni è morto, daniele bruni, campionato promozione

Lutto nel mondo del calcio: morto il portiere investito lunedì da un ubriaco

fiera delle parole padova

Padova, La Fiera delle Parole 2015: sino all’11 Ottobre, la 9° edizione dell’atteso Festival Letterario