in ,

Caso Yara svolta nelle indagini: sui suoi leggings tracce sedile furgone Bossetti

Clamorosa svolta nel caso Yara Gambirasio: a qualche giorno dalla chiusura ufficiale delle indagini, infatti, spunta un nuovo elemento a carico di Massimo Bossetti, compromettendone definitivamente la posizione di indagato. I carabinieri dei Ris di Parma avrebbero rinvenuto tracce dei sedili del suo furgone, oggetto di indagine certosina ed accurata dagli investigatori, sui leggings della piccola ginnasta.

Ciò farebbe presupporre che il 26 novembre 2010 Yara Gamibirasio sarebbe salita sul furgone del carpentiere bergamasco, prima di essere seviziata, pugnalata e lasciata morire di freddo nel campo di Chignolo d’Isola. Si tratta di un nuovo importantissimo elemento a carico del muratore 44enne, in carcere dallo scorso 16 giugno perché incastrato dalla prova regina del Dna.

Il nuovo elemento a carico di Massimo Bossetti si aggiunge all’altro indizio di colpevolezza emerso nei giorni scorsi dalla perizia informatica sul suo pc, che avrebbe rivelato l’ossessione dell’indagato per le minorenni.

Michele Buoninconti verbali inediti

Elena Ceste ultime news: i verbali inediti del marito Michele

Dove vedere Irlanda Svezia

Ibrahimovic: 50 nomi tatuati per una campagna contro la fame nel mondo