in ,

Caso Yara ultime news Pomeriggio Cinque: Massimo Bossetti dal carcere “Qui è un inferno”

Anche quest’oggi a Pomeriggio Cinque la padrona di casa, Barbara D’Urso, assieme al suo ospite di sempre, Giangavino Sulas, giornalista del settimanale Oggi, è tornata a parlare del caso Yara Gambirasio, la tredicenne di Brembate di Sopra scomparsa il 26 novembre 2010 il cui corpo è stato ritrovato senza vita in un campo il 26 febbraio 2011, tre mesi dopo la sua scomparsa. Ancora una volta le attenzioni si sono spostate sull’unico indagato nel caso, Massimo Bossetti, il muratore 44enne di Mapello, rinchiuso da qualche tempo nel carcere di Bergamo.

Tante sono le intercettazioni che sono state pubblicate negli ultimi giorni in cui il protagonista è sempre Bossetti: in particolare ha sorpreso l’intercettazione fatta al muratore in un colloquio con il fratello Fabio, in cui l’uomo, oltre a dichiararsi ancora una volta innocente, parla di un possibile patteggiamento. E proprio oggi è arrivata la notizia di una possibile richiesta da parte della difesa di Bossetti per il rito abbreviato condizionato che diminuirebbe di un terzo la pena.

Nel frattempo Massimo Bossetti ha scritto una lettera dal carcere, intitolata “Pensieri emozioni difficoltà e speranze mentre trascorrono i mesi in carcere”, in cui, come riporta lo stesso titolo, l’imputato nel caso Yara ha riportato quelle che sono le sue sensazioni e quella che è la sua vita in cella. “È difficile spiegare il carcere a chi non l’ha vissuto da dentro, o chi l’ha visto solo in tv. Il carcere è sempre un inferno. Io ero e rimango innocente. Non posso patteggiare qualcosa di vergognoso che mai avrei commesso” – ha scritto nella lettera Massimo Bossetti, che ha poi raccontato come passa le sue giornate in cella: “Passo le mie giornate dormendo, giocando a scala 40, guardando cose stupide in tv. Non ho nessuna fede al momento, non ne ho nella giustizia, non ne ho negli uomini né nella religione. Credo solo in me stesso”.

 

Pasqua 2015 a Budapest e Bruxelles: offerte low cost, voli e hotel per una Pasqua all’estero

Dolce e Gabbana: la risposta di Heather Parisi “Non esistono figli della chimica né di un Dio minore, esistono figli”