in ,

Caso Yoox – Mr. Job, news: dopo la denuncia di molestie, i capireparto maschi vengono sostituiti da donne

Sostituire i sorveglianti maschi con sorveglianti donne: così colosso dell’e-commerce nel settore della moda, Yoox, che ha sede a Zola Pedrosa nel bolognese, ha imposto alla coop Mr Job in suo appalto di scongiurare il rischio che si verifichino comportamenti sconvenienti ai danni delle operaie dell’azienda.

denuncia molestie capi Mr. Job

È questo l’ultimo capitolo dell’intricato caso Yoox – Mr. Job. Sono passate alcune settimane da quando undici operaie di Mr. Job – la ditta, appunto, che si occupa del confezionamento degli ordini di Yoox – hanno denunciato abusi e molestie di cui si sarebbero macchiati i capireparto.

E mentre il mondo delle operaie si divide (ricordiamo che proprio il 7 luglio un nutrito gruppo di loro aveva manifestato a favore dell’azienda), Yoox ha richiesto alla coop modenese di allontanare “in via cautelare” i capi uomini del magazzino: visto che ancora non sono noti i nomi dei presunti capireparto coinvolti, si è ritenuto opportuno sostituire la componente maschile in toto in attesa che venga fatta chiarezza sulla vicenda.

La prossima settimana è attesa la convocazione delle operaie che hanno sporto denuncia. Intanto Maurizio Lunghi, segretario generale della Cgil di Bologna, ha reso noto di essere in disaccordo con la proposta che Sel ha fatto a Yoox di stracciare l’appalto con Mr. Job, perché questo comporterebbe la perdita di 300 posti di lavoro.

(autore dell’immagine principale Claudio Riccio, da Flickr.com)

Written by Corinna Garuffi

Trentun anni, laureata in Scienze della Comunicazione, lavora da anni nel sociale. Da sempre alla ricerca di notizie inerenti al mondo del volontariato e alle opportunità offerte dell’Unione Europea, è anche appassionata di fotografia, arte e cucina. Indossa per la prima volta le vesti di blogger.

Anticipazioni Il segreto giovedì 10 luglio: Juan e Alfonso sono in pericolo

yara gambirasio ultime notizie

Yara Gambirasio news, Massimo Giuseppe Bossetti: un video e la conferma del dna