in

Castelfidardo, incendio nello stabilimento Tontarelli: nube di fumo alta visibile in autostrada

Martedì 16 aprile 2019. Intorno alle 6 di questa mattina un incendio è divampato nello stabilimento di un’azienda di articoli per la casa in plastica, la Tontarelli spa, a Castelfidardo, al confine con Osimo Stazione, in provincia di Ancona. Le cause del rogo sono ancora poco chiare e soltanto nelle prossime ore sarà possibile chiarire la dinamica dell’incendio, che ha visto al lavoro cinque squadre dei vigili del fuoco arrivate da Ancona e Civitanova Marche con due autopompe. A dare l’allarme due operai che si trovavano all’interno del magazzino, una altra trentina era invece nel reparto produttivo, che tuttavia non è stato coinvolto nel rogo.

Castelfidardo, incendio fabbrica Tontarelli: le fiamme sarebbero partite nel deposito delle materie prime

Secondo una prima ricostruzione le fiamme sarebbero partite nel deposito delle materie prime e qui sarebbe rimasto circoscritto. Benché lo stabilimento si trovi nei pressi dell’autostrada A14, l’incendio non ha avuto ripercussioni gravi sulla viabilità. «La situazione è sotto controllo. Non ci sono feriti o vittime e questa è la notizia più importante. In attesa dei rilievi sull’aria si consiglia di rimanere in casa e tenere le finestre chiuse!», ha affermato il sindaco di Castelfidardo Roberto Ascani in un post su Facebook. Secondo quanto riportato dai vigili del fuoco tutte le prescrizioni di sicurezza sono state rispettato e ciò ha evitato che il rogo si propagasse in altre aree della fabbrica. I reparti di produzione si sono, infatti, mantenuti intatti.

Castelfidardo, incendio nello stabilimento Tontarelli: nube di fumo alta visibile in autostrada

Sono circa 4.000 i metri quadrati andati a fuoco. Dopo che una colonna di fumo nero si è levata dallo stabile, si sono messi al lavoro i tecnici dell’Arpam per campionamenti di aria. A preoccupare naturalmente il fatto che il rogo si sia sviluppato in un deposito di materie plastiche e che la densa nube nera si sia diffusa velocemente. Proprio alcuni testimoni hanno raccontato di averla vista in autostrada A14. Il materiale che sta bruciando sarebbe polipropilene, la cui tossicità è inferiore rispetto al pvc. Sul posto anche carabinieri e polizia.

leggi anche l’articolo —> Le foto di Notre Dame che brucia divorata dalle fiamme

Written by Cristina La Bella

Cristina La Bella è redattrice di UrbanPost. Nasce a Frosinone il 13 febbraio del 1991, quando in Ciociaria la neve non si vedeva da anni e l’Italia tirava un sospiro di sollievo per la fine della guerra del Golfo. Sin da bambina sogna di diventare giornalista. Si laurea nel 2014 in "Lettere Moderne" e nel 2017 in "Filologia Moderna" all'Università La Sapienza di Roma. Il 16 aprile 2018 riceve il riconoscimento di "Laureato Eccellente" per il brillante percorso di studi. Cofondatrice di "Voci di Fondo", ha scritto, tra i tanti, con giornali quali "Prima Pagina Online", "Newsly", “SuccedeOggi", “LuxGallery”. Nel tempo libero le piace leggere, vedere film e fare shopping. Il più grande amore: i suoi nipotini.

Che tempo che fa cancellato, Fabio Fazio fuori dalla Rai

Incendio Notre-Dame, tra preghiera e ricostruzione: Macron lancia un appello