in

C’è Posta per Te, intervista esclusiva a Barbara Cappi autrice di “La lettera che non ti ho mai scritto”

La lettera che non ti ho mai scritto è già in cima alle classifiche. La redazione di UrbanPost ha intervista in esclusiva l’autrice, nonché una delle strette collaboratrici di Maria De Filippi, Barbara Cappi. Ecco le sue dichiarazioni riguardo al libro, ma anche su C’è Posta per Te, Amici 15 e Uomini e Donne.

La trama de “La lettera che non ti ho mai scritto” ormai è nota, soprattutto per gli appassionati del programma Uomini e Donne, ma può farci nuovamente un breve riassunto per i lettori di UrbanPost?

Anna ha passato da poco la cinquantina, ma se la guardi così non riesci a indovinare la sua età […] Perché Anna non lavora in un ufficio normale, i suoi strumenti di lavoro sono ago e filo e ricopre un ruolo importante da 15 anni: è la sarta storica di “C’è posta per te”. Un lavoro che adora e che svolge talmente bene da essere stimata da tutti, Maria De Filippi compresa. Ma la sua vita non è fatta solo di taglia e cuci. Ogni momento libero che ha lo devolve al nutrimento della sua anima. Divora pagine di libri usati che compra sulle bancarelle, ma soprattutto trangugia pacchi di fotocopie di tutte le storie vere che arrivano alla redazione del programma, e che lei trafuga senza dare nell’occhio. Dentro quelle pagine di vita vissuta, Anna ritrova tracce del suo misterioso passato, situazioni che fanno riverbero a quelle provate in prima persona. […] Episodio dopo episodio, attraverso “le vite degli altri”, (le normalissime e al tempo stesso straordinarie vite che vengono narrate dagli stessi protagonisti durante le registrazioni), conosceremo la sua storia. Un percorso fatto di ricordi, intrecciato a un presente striminzito e senza affetti, con il cuore torchiato da enormi sensi di colpa, che non riesce in nessun modo a scardinare. Ma alla redazione di “C’è posta” non sfugge niente e nessuno….”

Molti messaggi promozionali sul web: da Belen ad Alessio Bernabei, fino ai personaggi di Uomini e Donne ed Amici; Quale è stato il complimento più bello che ha ricevuto?

Ricevo da settimane mail private da giovani e meno giovani che mi dicono più o meno la stessa cosa: che è una storia che si divora in pochi giorni, che ti emoziona, che tocca il cuore, che consola come una copertina nelle sere d’inverno. E quando rispondo – perché io rispondo a tutti, grata – mi dicono anche che sono una persona semplice, dolce, modesta. Io aggiungo sempre che sono una persona molto fortunata, perché ama quello che fa. Sempre. E ha la fortuna di farlo. Da tanti anni oramai.”

E lei ha una lettera che non ha mai scritto?

“Ce ne sono tante. Come tutti ho anch’io i miei nodi sentimentali. Anche se trovo sia più facile scrivere quello che si ha nel cuore che dirlo a parole guardandosi negli occhi. Ho pudore, sono molto emotiva e anche riservata. Quindi non posso rispondere a questa domanda. Posso solo dire che mai dire mai, forse “quella” lettera un giorno avrò il coraggio di scriverla anche io. Per ora sono come la protagonista del romanzo: immobile!”

La promozione corre solo sui social o sarà presente in qualche libreria d’Italia?

“Stiamo ragionando sulle presentazioni nelle librerie, di fatto il libro è entrato in classifica così velocemente che siamo sorpresi e felicissimi. Ne ho parlato in diversi programmi sia radiofonici che televisivi e dando diverse interviste per grandi settimanali… facendo l’autore televisivo da moltissimi anni ho – per mia fortuna . tanti bei rapporti costruiti nel tempo con personaggi noti che mi stimano e soprattutto che amano C’è Posta per Te…  per questo mi ospitano nei loro programmi per parlare del libro.”

Una nuova stagione, un nuovo successo per “C’è Posta per te”, a distanza di anni riesce ancora ad emozionare il pubblico: secondo lei qual è il segreto?

“Il segreto sono i sentimenti, in tutte le loro sfaccettature. La vita è sentimento. Gli italiani sono un popolo col cuore che cammina. Il fulcro di C’è posta sono proprio i rapporti sentimentali tra le persone, i nodi da sciogliere, i grazie da dire, gli abbracci da dare. Stiamo parlando di un genere immortale. E siccome è fatto nel rispetto di chi scrive e di chi riceve, spero che non finisca mai.”

Per un programma che tramonta, un altro sta per sorgere: cosa dobbiamo aspettarci da questa nuova edizione di Amici?

“Quello che il programma ha sempre mantenuto come promessa: emozionare il pubblico mettendo in scena il sacrificio, la passione, i sogni dei più giovani. E la dimostrazione che una grande scuola come quella esigente di Amici, sia sempre un’esperienza indimenticabile, impagabile, insostituibile, utile e vincente.”

Com’è lavorare con Maria De Filippi?

“E’ imparare qualcosa ogni giorno. Un privilegio per me. Enorme.”

Recentemente ha annunciato che a Settembre ci sarà il trono gay a Uomini e Donne: secondo lei come sarà accolto dal pubblico?

“Anche a “C’è posta” abbiamo ospitato storie tra persone dello stesso sesso, raccontandole con la stessa semplicità, lo stesso pudore, il medesimo rispetto delle “altre” storie. Sarà lo stesso, immagino, per il trono gay. Il sentimento non ha sesso, ha cuore. E quello se è onesto e sincero, parla bene e parla a tutti e basta.”

Written by Vincenzo Mele

Nato a Napoli il 13 Agosto 1996, si è diplomato al Liceo Classico Adolfo Pansini, in Napoli. Attualmente frequenta la facoltà di Lettere moderne all'Università Federico II di Napoli. Giornalista pubblicista iscritto all'Ordine dei giornalisti della Campania. Si occupa di sport, tv e gossip.

uomini e donne Trono over Anticipazioni Giorgio Manetti

Anticipazioni Uomini e Donne trono over: Giorgio svela un segreto a Gemma

Organizzazione mondiale della Sanita

Organizzazione Mondiale della Sanità: viene istituita dall’ONU il 7 aprile 1948