in

Cenone Capodanno 2015: cosa mangiare e cosa cucinare

Mancano solo due giorni al Capodanno 2015 e molti di noi lo passeranno in casa, circondati da amici e parenti. Ma cosa mangiare e soprattutto cosa cucinare per il Cenone? Noi di UrbanPost abbiamo alcuni consigli per levarvi di impaccio in questa notte in cui spesso ci si ritrova all’ultimo a imbastire una pietanza da portare al Cenone. Iniziamo col menu!

Antipasto: bicchierini di salmone

Un antipasto apparentemente ricercato, ma che in realtà ha il pregio di farvi fare bella figura con poco sforzo. Vediamo allora come prepararli.

Ingredienti (per un bicchiere)

  • 2 cucchiai di salmone fresco tagliato a dadini
  • 2 cucchiai di formaggio spalmabile tipo Philadelphia
  • 1 cucchiai di panna acida o di yogurt greco intero
  • aneto fresco
  • olio extra vergine di oliva
  • limone bio
  • sale e pepe

Preparazione

1) Condire il salmone con sale, pepe e un filo d’olio di oliva;

2) Sbattere assieme il formaggio cremoso e la panna acida, salare e completare con la buccia di limone grattugiata;

3) Riempire il bicchierino con la crema di formaggio, poi posizionare sopra il salmone e decorare con l’aneto.

Varianti

Potete condire il salmone con il pepe rosa pestato e decorare i bicchierini con qualche bacca di pepe rosa intero

Decorare usando uova di salmone o di lompo invece che con l’aneto

Usate metà salmone fresco e metà salmone affumicato, oppure solo salmone affumicato tagliato a striscioline

Unite del cetriolo fresco a dadini alla crema di formaggio tralasciando la buccia di limone

Accompagnate i bicchierini con uno shottino di vodka, così come vuole la tradizione russa.

crespelle

Primo piatto: crespelle radicchio, speck e fontina

Un primo piatto corposo, di effetto e decisamente salato (quindi da innaffiare con del buon vino). Se intendete preparare un Cenone con molte portate, andateci piano con la quantità di crespelle!

Ingredienti (per 8 crespelle)

  • 300g di latte
  • 2 uova medie
  • 120g di burro
  • 250g di farina
  • 500g di radicchio trevigiano
  • 350g di fontina
  • 16 fette di speck
  • sale
  • pepe

Preparazione

1) Per realizzare le crespelle con speck, radicchio e fontina iniziate preparando 8 crepes (o crespelle), nella versione salata. Procedete poi con la preparazione del ripieno: lavate accuratamente il radicchio e tagliatelo a listarelle, fate sciogliere in una pentola 40 gr di burro, quindi ponetevi a cuocere il radicchio, a fuoco basso e a coperchio chiuso, per una decina di minuti.

2) Prendete ora le crespelle preparate in precedenza e farcitele con due fette di speck per ciascuna, il radicchio e una generosa spolverata di fontina grattugiata, quindi piegate le crepes a metà e poi in quattro.

3) Fate sciogliere in un pentolino il burro rimasto, lasciandone da parte quanto basta per imburrare una pirofila, poi grattugiate i 100 gr di fontina previsti per la guarnizione. Imburrate la pirofila e adagiatevi le crespelle farcite.

4) Cospargetele con burro fuso e abbondante fontina, quindi infornate il tutto per 10 minuti a 180° con modalità grill. Servite le crespelle con speck radicchio e fontina quando sono calde e il formaggio è ancora filante.

Avvertenze

Potete preparare anticipatamente le crespelle. Ma non devono essere conservate in frigo per più di 2 giorni.

cotechino

Secondo piatto: cotechino e lenticchie

Il piatto tipico del Cenone del 31 dicembre. Fa parte della tradizione culinaria emiliano-romagnola, ma ormai è la pietanza tipica del Capodanno e come tale non potete farne a meno!

Ingredienti (per 4 persone)

  • 1 cotechino di 400g circa
  • 2cl di olio extravergine di oliva
  • 1 cipolla piccola
  • 1 foglia di alloro
  • 2 chiodi di garofano
  • 350g di lenticchie secche o 700g di lenticchie in scatola
  • 100g di polpa di pomodoro
  • 25cl di brodo
  • sale
  • pepe

Preparazione

1) Pulite e sciacquare le lenticchie e mettetele in ammollo per 12 ore in una ciotola piena d’acqua fredda.
In alternativa potete utilizzare le lenticchie in scatola.

2) Con uno spiedino o un ago da cucina bucherellate il cotechino, quindi mettetelo sul fuoco in una pentola piena d’acqua fredda non salata e fatelo cuocere a fiamma bassa per due ore dal momento in cui l’acqua inizierà a bollire.

3) Nel frattempo sbucciate e tritate finemente la cipolla.
Ponete un tegame con l’olio su un fuoco di media intensità e, appena sarà caldo aggiungetevi la cipolla, la foglia d’alloro e due chiodi di garofano. Quando la cipolla avrà preso un bel colore biondo, ma non si sarà ancora scurita, unitevi le lenticchie precedentemente ammollate in acqua e scolate e fate rosolare il tutto per una trentina di secondi.

4) Aggiungete quindi il pomodoro, mescolate e coprite il tutto con il brodo.
Portate a bollore, quindi fate cuocere per 20 o 30 minuti o comunque fino a quando le lenticchie saranno soffici, ma non si saranno spappolate.

5) Quando le lenticchie saranno cotte salatele e pepatele.

6) Scolate il cotechino, rimuovete l’eventuale spago da cucina, quindi tagliatelo in fette dello spessore di un paio di centimetri, rimuovete la pelle e servitelo accompagnato dalle lenticchie, spolverizzato, se volete, con del pepe nero macinato.

Avvertenze

Quando cucinate i legumi salateli alla fine, non all’inizio: altrimenti rimarranno duri.

***

Dolce: ananas alla cannella e zafferano

Dopo un pasto (più pasti, se consideriamo tutto il periodo natalizio) così pesante, per il dolce abbiamo pensato di consigliarvi un dessert fresco, leggero e soprattutto sano: l’ananas alla cannella e zafferano.

Ingredienti (per 6 persone)

  • 2 ananas ben maturi
  • 150g di zucchero di canna
  • 4 bustine di zafferano in polvere o l’equivalente in fili
  • cannella in polvere

Preparazione

1) Pulite gli ananas e tagliateli a pezzetti.

2) Mettete i pezzetti di ananas in una capace ciotola, unitevi lo zucchero di canna, lo zafferano e circa 2 cucchiaini rasi di cannella in polvere.

3) Mescolate, coprite la ciotala con la pellicola alimentare e mettete il tutto a riposare in frigorifero per almeno 12 ore.

4) Al momento di servire togliete l’ananas dalla ciotola e distribuitelo in coppette individuali, mescolate bene il succo che si sarà formato, versatelo sopra l’ananas e servite ben freddo.

Avvertenze

Per garantire una piena amalgama dei gusti, preparate questa ricetta il giorno prima della cena, così sarete sicuri di fare bella figura. Buon appetito!

Capodanno 2015 da soli cosa fare

Capodanno 2015 da soli: cosa fare

Naufragio Norman Atlantic: forse 4 i morti (VIDEO)