in

Cercasi Donatori di voce per audiolibri per non vedenti: tutto quel che c’è da sapere per candidarsi

Avete una bella voce? Vi piace leggere? Ma soprattutto vi dà gioia aiutare gli altri? Allora troverete sensazionale l’appello lanciato dall’Unione Italiana Ciechi e Ipovedenti Consiglio Regionale della Puglia, che è alla ricerca di una voce che narri libri a beneficio di chi purtroppo non può leggerli più o di chi semplicemente ha difficoltà nella lettura. Si ricercano quindi dei donatori di voce. 

Come si legge sul sito ufficiale e come è stato riportato dal portale “Greenme.it” il Centro regionale dell’audiolibro offre pure i propri servizi a istituzioni scolastiche di ogni ordine e grado, università, biblioteche pubbliche e private, strutture socio-assistenziali e socio-sanitarie, ASL, enti locali, istituti specializzati all’assistenza di disabili, associazioni di famiglie e organizzazioni di volontariato. Lo scopo è quello di favorire «lo scambio intergenerazionale» e di rendere «la cultura più accessibile», aperta, alla portata di tutti.  La produzione di audiolibri in formato digitale si articola in due livelli:

  • il primo livello viene realizzato da lettori professionisti, doppiatori, attori o comunque persone che utilizzano la propria voce in maniera professionale. Attraverso questo livello vengono prodotti testi di interesse per tutti i fruitori: best sellers, libri di letteratura, di attualità, oltre a testi e pubblicazioni inerenti la storia ed il folclore della nostra regione, i costumi, storie locali, produzioni letterarie e teatrali in dialetto.
  • il secondo livello viene prodotto invece da volontari donatori di voce, i quali registrano con strumentazioni fornite dal Centro testi richiesti dagli utenti: libri per universitari, per studenti delle scuole di ogni ordine e grado, per studenti con bisogni educativi speciali, testi di narrativa, dispense, appunti, sezioni o capitoli di libri necessari per la formazione professionale o per la preparazione di esami o libri di specifico interesse. Sempre a questi volontari viene affidata la produzione di periodici settimanali o mensili regionali, oltre che di alcune testate di carattere nazionale di particolare interesse per gli utenti; vengono prodotti anche “instant book” e opuscoli o libretti di istruzioni per apparecchiature diffuse e complesse, come elettrodomestici, telefoni cellulari, radio ecc.

Un’iniziativa bella che vuole essere d’aiuto a persone che affette da patologie o per l’età avanzata non possono leggere in maniera autonoma e che ricorda quella nata nel 1983 nel comune di Feltre (in provincia di Belluno), il Centro Internazionale del Libro Parlato, fondato inizialmente per aiutare i non vedenti del territorio ad assaporare come tutti gli altri il piacere della lettura. Il servizio è da ritenersi gratuito, coloro che vorranno beneficiarne non devono fare altro che compilare una domanda di iscrizione redatta sull’apposito modulo che viene fornito dal Centro. 

Chi volesse proporsi come donatore di voce non deve fare altro che inviare una e-mail all’indirizzo di posta elettronica donalatuavoce@uicibrindisi.it . Nell’e-mail vanno specificati:

  • dati personali (nome e cognome, indirizzo e-mail e recapito telefonico);
  • genere preferito nella lettura;
  • disponibilità media di tempo settimanale/mensile per la registrazione (non vincolante);
  • eventuale possesso di materiale utile alla registrazione (registratore o microfono del personal computer di buona qualità).

È necessario poi inviare una demo vocale della propria voce. Sono sufficienti anche soltanto 3 minuti di registrazione effettuata con qualsiasi strumento di registrazione, in qualsiasi formato e con qualsiasi libro. Per altre informazioni potete contattare il numero 0831 526105/ 329 6826213 dal lunedì al venerdì, dalle ore 09:00 alle ore 13:00 e dalle ore 16:00 alle ore 19:00 oppure inviare una e-mail a donalatuavoce@uicibrindisi.it

Written by Cristina La Bella

Cristina La Bella è redattrice di UrbanPost e LuxGallery. Nasce a Frosinone il 13 febbraio del 1991, quando in Ciociaria la neve non si vedeva ormai da anni e l’Italia tirava un sospiro di sollievo per la fine della guerra del Golfo. Sin da bambina sogna di diventare giornalista. Si laurea nel 2014 in "Lettere Moderne" e nel 2017 in "Filologia Moderna" all'Università La Sapienza di Roma. Il 16 aprile 2018 le viene conferito il riconoscimento di "Laureato Eccellente Sapienza" per il brillante percorso di studi. Cofondatrice di "Voci di Fondo", ha scritto, tra i tanti, con giornali quali "Prima Pagina Online", "Newsly" e "SuccedeOggi" e riviste letterarie come "Carte Allineate", "Fillide" ed "Euterpe". Nel tempo libero le piace leggere, vedere film e fare shopping. Il più grande amore: i suoi nipotini.

Gessica Lattuca Favara: parole da brivido della supertestimone, il ritrovamento del corpo è imminente?

Intervista a Marta Carichino, ristorante Foscolo di Matino, Salento