in

Cervello e orientamento: usare il navigatore in auto spegne corteccia e ippocampo

Non si può dire che non ci fossimo accorti anche noi che l’uso del navigatore influisce su cervello e orientamento. Ora, però, arriva la controprova scientifica che conferma le nostre sensazioni. Guidare con il navigatore ‘disattiva’ le aree del nostro cervello predisposte all’orientamento e alla pianificazione. Lo ha verificato uno studio della University College di Londra, pubblicato sulla rivista Nature Communications. Ci è capitato a tutti di mettere il navigatore anche per fare percorsi più o meno conosciuti, giusto per la pigrizia di non dover ragionare sulla strada da fare. In effetti, come la ricerca ha rilevato, nel caso in cui stiamo guidando senza l’utilizzo del navigatore, si registrano dei picchi nella regione dell’ippocampo e della corteccia prefrontale. Il primo è la parte del nostro cervello dove ha sede la nostra memoria e le funzioni che determinano l’orientamento nello spazio. La seconda è parte determinante della nostra pianificazione e capacità di operare una scelta.

L’esperimento scientifico ha coinvolto 24 soggetti, ai quali è stato chiesto di addentrarsi per le strade di Londra alla guida dell’auto. Alcuni di essi erano provvisti di navigatore, altri dovevano affidarsi al loro senso dell’orientamento. Attraverso la raccolta dei dati dell’attività cerebrale nei due casi, gli scienziati hanno notato dei picchi di attività nel cervello dei soggetti senza navigatore. Chi si è affidato alla tecnologia ha fatto registrare, invece, attività piatte di corteccia ed ippocampo.

“I nostri risultati”, ha spiegato Hugo Spiers, che ha condotto lo studio, “confermano il modello secondo cui l’ippocampo simula i tragitti possibili mentre la corteccia prefrontale ci aiuta a pianificare e a scegliere quello migliore per raggiungere la nostra destinazione. Con una tecnologia che ci dice la strada da fare, queste parti del cervello non rispondono più alla rete stradale. In questo senso il nostro cervello spegne il suo interesse per le strade intorno a noi”. Una conferma del fatto che la tecnologia semplifica la vita, ma impigrisce il cervello.

photo credit: Infomastern Directions via photopin (license)

Seguici sul nostro canale Telegram

Concorso giornalisti 2016

Concorso ATA 2017 Calabria: bando, requisiti, scadenze, come candidarsi

Basket NBA, clamorosa rissa: Lopez e Ibaka fanno a pugni in campo [VIDEO]