in

Cesena, “Forza Nuova” e “funerale” alla coppia gay acqua passata: «Ora aiutiamo gli organizzatori del Pride!» 

Il 5 febbraio 2017 Andrea Barlocco e Sabrina Saccomanni, marito e moglie, erano tra i militanti di Forza Nuova che hanno organizzato a Cesena un finto “funerale d’Italia” con tanto di bara coperta dal tricolore, per contestare un’unione civile tra due uomini, che si stava celebrando al Comune. A distanza di giorni la coppia pare abbia cambiato idea: oggi figurano, infatti, tra gli aiutanti degli organizzatori del Gay Pride. 

Cesena, “Forza Nuova” e “funerale” alla coppia gay acqua passata: «Ora aiutiamo gli organizzatori del Pride!»

Come qualcuno ricorderà, erano 12 i militanti di Forza Nuova a sfilare con una bara davanti alla macchina dei due sposi, che avevano deciso senza indugio di sporgere querela. Contro di loro l’accusa di diffamazione, un’imputazione in seguito modificata dal gip in istigazione e propaganda all’odio. Quella stessa vicenda è stata oggi raccontata a Cesena Today dal diretto interessato Andrea Barlocco: «Quando è successo quell’episodio ero dirigente nazionale e responsabile della comunicazione di Forza Nuova. A Cesena ero nel corteo, la vicenda poteva avere una grossa risonanza, ed era importante che la situazione non degenerasse!». Questi ha poi spiegato: «Il mio processo di uscita da Forza Nuova era già iniziato, non condividevo le idee del movimento, l’unione gay non mi ha mai dato fastidio, ho sempre avuto una visione più moderata e non potevo sposare quella linea. Quel giorno fui a colloquio spesso con l’allora vice sindaco di Cesena e con la Digos!», ha detto Barlocco, che poi ha aggiunto: «Mia moglie? Era una sorta di ‘infiltrata’ nel corteo sempre con lo scopo di verificare che non ci fossero degenerazioni!».

Organizzarono il “funerale” alla coppia gay con Forza Nuova: le parole dell’avvocato 

Una “conversione” che lascia perplessi alcuni, ma su cui non bisogna dubitare: «Mi ero già discostato da dirigente nazionale di Forza Nuova, rispetto a certi eccessi!», ha concluso l’ex di Forza Nuova. A rimorchio le parole poi del legale Christian Guidi del Foro di Rimini, che ha spiegato che Andrea Barlocco e la moglie, oltre ad uscire dal movimento di estrema destra, hanno aiutato gli organizzatori del gay pride, con l’Arcigay di Rimini che ha ritirato la costituzione di parte civile nei loro confronti. «Ho curato il servizio d’ordine e sicurezza, oltre che la parte artistica e della comunicazione per il Riccione Pride del 2017 e per i Summer Pride di Rimini 2017 e 2018!». Anche la moglie Sabrina ha partecipato: «Ha sfilato su un carro al Pride, del resto è una donna di spettacolo, ha partecipato a molte trasmissioni televisive tra cui Miss Italia e Uomini e Donne!».

leggi anche l’articolo —> Giornata internazionale contro l’omofobia: come stanno le cose in Italia

Written by Cristina La Bella

Cristina La Bella è redattrice di "UrbanPost". Sin da bambina sogna di diventare giornalista. Si laurea nel 2014 in "Lettere Moderne" e nel 2017 in "Filologia Moderna" all'Università La Sapienza di Roma. Il 16 aprile 2018 riceve il riconoscimento di "Laureato Eccellente" per il suo percorso di studi. Cofondatrice di "Voci di Fondo", ha scritto, tra i tanti, con giornali quali "Prima Pagina Online", "Newsly", “SuccedeOggi" e “LuxGallery”. Nel tempo libero le piace leggere, vedere film e fare shopping. Il più grande amore: i suoi nipotini.

Giorgia Lucini Instagram, slip fuori dal jeans e micro top ma… «Irriconoscibile, che hai fatto al viso?»

Kasia Smutniak matrimonio a sorpresa: l’attrice ha detto “sì” a Domenico Procacci