in ,

Champions League, le big di Premier League pensano di lasciare la competizione

E se nelle prossime edizioni della Champions League non ci fossero più Manchester City, Manchester United, Arsenal, Liverpool e Chelsea, non per demeriti sul campo ma bensì per una decisione comune presa dalle big di Premier League decise a creare una nuova competizione? E’ un’indiscrezione rimbalzata da Oltremanica dove questa mattina i rappresentanti dei principali di club inglesi si sono incontrati in gran segreto.

Il meeting si è svolto ieri mattina e ha visto partecipare Ed Woodward, vicepresidente dello United, Bruce Buck, presidente del Chelsea, Ivan Gazidis amministratore delegato dell’Arsenal, Ferran Soriano, ad del City e Ian Ayre, ad del Liverpool, così come riportano i colleghi di Gazzetta dello Sport; sul tavolo la proposta di Stephen Ross, proprietario della franchigia NFL dei Miami Dolphins, che vorrebbe la creazione di una competizione indipendente chiamata “European Super League.”

In questa nuova coppa non ci sarebbero vincoli legati al piazzamento in campionato ma parteciperebbero le squadre più blasonate d’Europa; oltre alle big di Premier League, ci sarebbero il Milan, il Barcellona, il Bayern Monaco, il Real Madrid e altre. Il tutto sarebbe scaturito dal timore che calino gli introiti provenienti dalla Champions League per le grandi squadre a causa degli exploit di alcune “provinciali”, come ad esempio Leicester e Tottenham nel campionato inglese. Un progetto che potrebbe far “crollare” la Champions League e cambiare la concezione delle competizioni per club livello europeo.

truffa SSN Parma

Pescara: ispezioni in molti ristoranti etnici, maxi sequestro dei Nas

Mosca donna testa bambino

Mosca, baby sitter killer confessa: “Ho decapitato la bimba perché me l’ha ordinato Allah”