in ,

Charlie Hebdo, arrestato a Parigi il comico Dieudonné: accusato di apologia di terrorismo

Il comico francese Dieudonné è stato arrestato dalla polizia di Parigi con l’accusa di apologia di terrorismo, per alcune battute inerenti la strage avvenuta nella sede del Charlie Hebdo. Dieudonné aveva detto di sentirsi “Charly-Coulibaly”, riprendendo ironicamente il nome del settimanale satirico nella cui redazione il 7 gennaio scorso ha avuto luogo la strage jihadista che è costata la morte a 12 persone, seguita l’indomani da quella compiuta al supermercato kosher dell’attentatore Amedy Coulibaly.

Dieudonné ha partecipato alla marcia repubblicana contro il terrorismo, tenutasi domenica a Parigi, definendola “leggendaria” e dicendo di sentirsi “Charly-Coulibaly”. Lunedì la magistratura francese ha aperto un’inchiesta sull’umorista, proprio a seguito delle sue dichiarazioni.“Quando io mi esprimo, non si cerca di capirmi, non mi si vuole ascoltare. Si cerca un pretesto per vietarmi. Mi si considera come Coulibaly mentre io non sono diverso da Charlie”, queste le sue parole per difendersi dall’accusa che gli è costata l’arresto.

lega e forza italia

Matteo Salvini Twitter: le dimissioni di Napolitano e #nonunaltrodisinistra

luca bizzarri imitazioni

Luca Bizzarri e Al Qaida, separati dalla nascita? “Quando voi…noi”