in ,

Charlie Hebdo, consenso ai killer sui social: spopola l’hasthag della vergogna #JeSuisKouachi

È incredibile ma il clima di terrore che si è scatenato in Francia dopo l’attentato al Charlie Hebdo ha partorito malsane forme di consenso ‘social‘ nei confronti dei killer autori delle stragi, i fratelli Kouachi e il loro complice Coubali. Ebbene sì, gli hasthag della vergogna, #JeSuisKouachi e #JeSuisCoulibaly, hanno iniziato a proliferare in rete già nelle ore successive all’assalto armato al giornale satirico. Utenti di tutto il modo hanno scritto messaggi di congratulazioni ai terroristi e ammirazione per il loro folle gesto.

Gli hashtag antitetici a quello di solidarietà verso le vittime dei tre giorni di terrore in Francia, #JeSuisCharlie, hanno preso piede con una velocità disarmante, figlia dell’illogicità e della inconsapevolezza di tanti post che corrono sui social network, forti dell’anonimato che tutto consente.

Lo sdegno per siffatti commenti deliranti non si è fatto attendere: c’è chi reclama un intervento da parte del social network di microblogging, che non avrebbe messo alcun freno a questa situazione. Tante in queste ore le segnalazioni giunte al sito governativo francese internet-signalement.gouv.fr; Bernard Cazeneuve, ministro dell’Interno, ha pertanto chiesto che siano valutati valututti i casi. 

EXPO Milano 2015: date, eventi, programmi e ticket

CES 2015 smart tv

CES 2015 Las Vegas news, novità televisori LCD e LED Samsung, LG e smart tv