in ,

Charlie Hebdo: dopo la Francia sale l’allarme terrorismo in Italia

Dopo il sanguinario attentato avvenuto stamattina alla redazione parigina del settimanale satirico Charlie Hebdo cresce l’allarme anche nel nostro paese: secondo fonti delle forze dell’ordine sarebbero stati potenziati i servizi di vigilanza ad alcuni obiettivi sensibili della Capitale con “particolare attenzione” verso le redazioni giornalistiche. Il ministro dell’interno Angelino Alfano avrebbe convocato per le 16.30 il Comitato di analisi strategica per la verifica del dispositivo di sorveglianza (dispositivo che era già stato aggiornato dopo gli attentati in Canada e in Australia).

Secondo i servizi segreti e l’Antiterrorismo non ci sarebbero segnalazioni specifiche ma il pericolo riguarda ormai la capacità di attacco dei cosiddetti “lupi solitari“, oltre che dei gruppi organizzati. Lupi solitari che avrebbero attaccato proprio a Parigi: come raccontato da alcuni testimoni, infatti, gli attentatori parlerebbero un franceseimpeccabile“.

Non sarebbe esclusa neanche la convocazione di un vertice europeo per mostrare compattezza di fronte a un offensiva terroristica che mostra di aver fatto un ulteriore salto di qualità. Tante le reazioni dei leader europei, tutti a fianco della Francia e del suo presidente Hollande: una condanna alla violenza e al terrorismo sarebbe arrivata anche dal presidente degli Stati Uniti Obama. Così invece il premier Matteo Renzi su Twitter:

Ultime notizie Calciomercato Lazio: il Parma vuole Gonzalez

anticipazioni the vampire diaries

The Vampire Diaries 6 anticipazioni undicesima puntata: un segreto per Stefan e il ritorno dei Delena