in

Charlie Watts, la vita del leggendario batterista dei Rolling Stones morto ieri a 80 anni

Lutto per il mondo della musica mondiale, ieri martedì 24 agosto 2021, si è spento Charlie Watts, lo storico batterista dei Rolling Stones: aveva 80 anni. L’artista è morto in un ospedale di Londra dopo un intervento di urgenza al cuore. Il suo amore per la musica è nato quand’era ancora molto piccolo e non si è mai spento, nonostante questo non era mai riuscito ad innamorarsi delle tournée. (Continua a leggere dopo la foto)

Charlie Watts

Le origini di Charlie Watts

Il 2 giugno del 1941, in una Londra molto diversa da come la conosciamo noi, è nato Charlie Watts. L’ultimo della band ad unirsi ai Rolling Stones. La fama lo raggiungerà nel 1965 con Satisfaction, quando la band si imporrà definitivamente nello scenario musicale mondiale.

Il batterista sviluppa la passione per la musica grazie al suo grandissimo amico Dave Green, musicista jazz inglese e suo vicino di casa in età adolescenziale. Inizialmente Watts si fece le ossa nell’ambiente blues londinese, solo successivamente si appassionerà al sound di DJ Fontana, batterista di Elvis.

Rolling Stones

Charlie Watts: il suo modo di suonare

Charlie Watts probabilmente è uno dei batteristi più esperti che siano mai esistiti e uno di quelli che più hanno influenzato il mondo della musica. La sua magia risiedeva nel fatto che lui era, e così si era sempre considerato, prima di tutto un batterista Jazz.

Analizzando il modo in cui il batterista dei Rolling Stones era solito suonare, Alan Howe, storico della musica australiano, commenta che “aveva un sistema curioso di suonare”. Il potere di Watts risiedeva nel fatto che “ha sempre suonato come un batterista jazz, perché ha sempre percepito se stesso come un batterista jazz”.

Charlie Watts

La vita privata di una rockstar anomala

In un mondo rock ‘n roll fatto di eccessi, Charlie Watts è sempre stato una rockstar anomala. Un personaggio riservato e noto per la sua eleganza. Il suo modo di vestirsi inconfondibile, gli è valso ben due citazioni. Il giornale inglese The Daily Telegraph lo ha nominato come World’s Best Dressed Men; e nel 2006, il giornale Vanity Fair, lo ha citato nell’International Best Dressed List.

Un unico grande amore lo ha accompagnato per tutta la vita, quello per la moglie Shirley Ann Shepherd, pittrice londinese. La loro storia d’amore è iniziata prima che il batterista incontrasse i Rolling Stones ed è proseguita fino all’ultimo giorno. Dopo il matrimonio nel 1964, hanno avuto una figlia, Seraphina nata nel marzo del 1968.

Watts non è mai stata una persona che amava ostentare la sua ricchezza e la sua fortuna. Tant’è che mentre gli altri componenti della band collezionavano auto di lusso, lui non ha nemmeno mai preso la patente. Considerava le automobili come degli oggetti semplicemente belli da vedere.

L’artista inglese ha sempre provato una relazione di amore e odio per le tournée. Durante un’intervista nel 2003 dichiarò che, se da un lato amava suonare con la band, dall’altro non era mai stato interessato nel “diventare un idolo pop sempre circondato da ragazzine urlanti”.

test salivari gratuiti

Matteo Salvini vuole rendere gratuiti i test salivari, contrari Gualtieri e Bianchi

Bimbo sulla copertina di Nevermind

Spencer Elden, il bimbo sulla copertina di Nevermind apre una causa contro i Nirvana