in

Charlize Theron: «Io e mia madre vivevamo in un seminterrato. Ci potevamo permettere solo ciambelle!»

La vita è fatta perlopiù di coincidenze e spesso quel che ci sembra una grave perdita non di rado si rivela un’importante occasione. È quanto accaduto a Charlize Theron, che probabilmente non sarebbe mai diventata una brillante attrice hollywoodiana, se non fosse stato per un infortunio al ginocchio che mise fine per sempre alla sua speranza di diventare un’etoile.

Charlize Theron: «Io e mia madre vivevamo in un seminterrato senza finestre. Ci potevamo permettere solo ciambelle!»

All’epoca abitava Charlize Theron a New York e per mantenersi e pagare le lezioni di ballo faceva la cameriera: quella timida ragazzina mai avrebbe pensato che le sarebbe convenuto. Per rincuorarla si precipitò nella grande mela la madre: «Ero molto depressa, mia madre arrivò dal Sudafrica. Vivevamo nel seminterrato di un edificio, senza finestre e ci potevamo permettere di mangiare solo ciambelle. Mi confortò e, per la prima volta, mi confidò che non aveva mai pensato fossi una brava ballerina, ma aveva visto come ero riuscita a emergere. Mi disse che dovevo andare a Hollywood e provare a recitare, perché infondo l’avevo già fatto quando balllavo a teatro. E in quello ero bravissima!», ha raccontato in un’intervista a Vanity Fair (riportata dall’Huffington Post) Charlize Theron, che seguì il consiglio della madre. Quest’ultima le pagò un biglietto aereo per Los Angeles, poi le diede 300 dollari per gli inizi. Da lì il via per una carriera sfolgorante: nel 1995 esordisce al cinema con Children of the Corn III: Urban Harvest e successivamente con Due giorni senza respiro, accanto a James Spader. Poi è la volta di Music Graffiti, diretto da Tom Hanks. La popolarità è arrivata però con L’avvocato del diavolo (1997), film con Al Pacino e Keanu Reeves, e con Le regole della casa del sidro del 1999.

«Sono stata single per oltre sette anni…»

Soddisfatta della sua attività lavorativa, Charlize Theron si è detta amareggiata per il privato: «Sono stata single per oltre sette anni (…). Non mi sento di dare consigli in tema di relazioni e anche quando recito in una commedia romantica mi capita di sentirmi perdente perché, almeno fino a oggi, le mie storie non hanno avuto un lieto fine. A volte essendo una star si rischia di rimanere isolati. E, poi, io sono una donna ‘vecchia scuola’, non amo gli incontri su internet, preferisco che qualcuno mi venga presentato o fare conoscenza di persona, con un incrocio di sguardi. Mi considero piuttosto cinica, ma alla fine ho forse il cuore tenero!». Come deve essere il suo uomo ideale: «Una buona persona, che sia interessato ad ascoltare anche la mia opinione, che non parli solo di se stesso, e che ami bambini e cani!». Nel frattempo l’attrice continua a dedicarsi alla sua carriera: dal 10 ottobre arriva nelle sale Non succede, ma se succede…, film che la vedrà in coppia con Seth Rogen.

leggi anche l’articolo —> Gianna Nannini dipendenza dalle droghe e altri aneddoti choc: le mani nel water per la cocaina

Written by Cristina La Bella

Cristina La Bella è redattrice di "UrbanPost". Sin da bambina sogna di diventare giornalista. Si laurea nel 2014 in "Lettere Moderne" e nel 2017 in "Filologia Moderna" all'Università La Sapienza di Roma. Il 16 aprile 2018 riceve il riconoscimento di "Laureato Eccellente" per il suo percorso di studi. Cofondatrice di "Voci di Fondo", ha scritto, tra i tanti, con giornali quali "Prima Pagina Online", "Newsly", “SuccedeOggi" e “LuxGallery”. Nel tempo libero le piace leggere, vedere film e fare shopping. Il più grande amore: i suoi nipotini.

Chiara Giordano: «Raoul Bova? Lo conquistai con un ‘Meneito’. Oggi mi sento più femminile, con lui…»

Melissa Satta ‘perfetta’ casalinga, pioggia di critiche: «Non sai nemmeno dov’è l’aspirapolvere in casa»