in

Che cos’è il buco dell’ozono? Le risposte da brivido dei giovani in piazza per l’ambiente

L’appello della giovane svedese Greta Thunberg che trasformato questo venerdì, 15 marzo 2019, nella giornata per l’ambiente con grande preoccupazione per il futuro del nostro pianeta, ha trovato il sostegno di migliaia di giovani italiani scesi in piazza a manifestare. L’adesione dei ragazzi di tutta Italia è stata completa ma le risposte ai quesiti de Il Messaggero non sono state altrettanto compiute. Interrogati sui cambiamenti climatici e sul buco dell’ozono, il quadro che ne è venuto fuori è stato piuttosto variopinto.

Cosa sono i cambiamenti climatici per gli studenti italiani

Gli studenti italiani necessiterebbero di qualche ripetizione in materia di effetto serra e cambiamenti climatici. Tra tentennamenti, astensioni e ironia, qualcuno azzarda le risposte che non vorremmo mai sentire. “A causa dello spread…”, un temerario si lancia in una spiegazione che coinvolge niente poco di meno che il differenziale di rendimento tra titoli tipico del linguaggio finanziario. Ma una voce fuori campo interviene ad interrompere il discorso economico suggerendo che si tratti di “emissioni del gas serra”. Per qualcun altro, invece, i cambiamenti climatici sono “Cose che avvengono quotidianamente e noi siamo qui per bloccarli, per manifestare”, per arrivare poi alla saggezza popolare di chi sostiene che “Non ci sono più le mezze stagioni”.

Le risposte sul buco dell’ozono

Spostando la domanda sul buco dell’ozono, ci si sbizzarrisce con i commenti. “Sta in aria”, su questo l’intervistata sembra essere certa, “si crea nell’atmosfera mi sa” ma niente di più. “Non conosco bene la parola” – confessa un’altra – “mi trovi impreparata però cose brutte”. “In maniera tecnica non lo so, – sostiene un altro studente – il clima aumenta…”. Così come l’ignoranza. “Il diminuimento de… come si chiama…”. Tra le risposte incompiute c’è qualcuno che addirittura si spinge oltre: “La grande piattaforma di sporcizia che hanno trovato… fatto l’Australia”, il pensiero è molto confuso. “Non vorrei fare una gaffe”, afferma sinceramente un’altra studentessa, mentre qualche furbo, per sviare l’argomento, alla domanda ”Cosa ci fate qui?”, risponde: “Con questa bella giornata siamo qui per passeggiare per i Fori Imperiali”. Insomma, si potrebbe concludere, purché si salti un giorno di scuola tutto va bene.

Leggi anche —> ‘Troppo nuda’ per la compagnia, ragazza viene invitata a scendere dall’aereo

Rimini, proprietario assume pizzaiolo di colore, i clienti non vanno più: «Non m’importa, i razzisti non entrino!»

One Direction in lutto: morta la sorella diciottenne di Louis Tomlinson