in

Che fuori tempo che fa anticipazioni e ospiti 22 novembre: David Grossman ed Enzo Iacchetti

Nell’Anteprima di Che fuori tempo che fa, Ernesto Assante e Gino Castaldo, giornalisti e critici musicali, parlano dei segreti e delle curiosità sui Beatles. Che fuori tempo che fa, di questa sera, sabato 22 novembre, occupa tutto il prime-time e la seconda serata di Rai Tre, dalle 20.10 con la trasmissione vera e propria e dalle 21.45 con lo Speciale Futura e, dalle 22.30 circa, con il film-documentario La Donna delle Stelle – Missione Futura di Gianluca Cerasola. L’intera serata è dedicata alla missione spaziale che inizierà, domani domenica sera, con il lancio della prima donna astronauta italiana, Samantha Cristoforetti, dalla base di Baikonur in Kazakistan. Fabio Fazio e Massimo Gramellini, ospiteranno in trasmissione: David Grossman, scrittore, saggista e giornalista israeliano che l’11 novembre scorso è tornato in libreria con il suo nuovo romanzo e intitolato “Applausi a scena vuota”. Enzo Iacchetti, invece si presenterà nelle veste di produttore e regista del musical “Come Erika e Omar”, black-comedy grottesca sull’orrore mediatico e la spettacolarizzazione televisiva dei casi più eclatanti di cronaca nera e che sarà in scena dal 21 novembre al 7 dicembre, al Teatro Delfino di Milano.

Saranno in collegamento, in diretta: Maurizio Landini che risponderà a Massimo Gramellini, Francesco Paolantoni dal Pan-Palazzo delle Arti di Napoli; Diego Abatantuono, noto tifoso rossonero per dialogare con Enzo Iacchetti, noto tifoso nerazzurro, in vista del derby Milan-Inter di domenica sera e Marco Mengoni, dallo studio di registrazione presenta il suo nuovo singolo, “Guerriero”. La sigla di chiusura è affidata a Riccardo Sinigallia, in collegamento dal Museo Poldi Pezzoli di Milano, dove è in corso la bellissima mostra Le Dame del Pollaiolo.

ESA pagina facebook

Samantha Cristoforetti al centro di “La Donna delle stelle – Missione Futura”

cgil cassa integrazione inps perdita reddito

Cassa integrazione, Cgil e Inps: perdita di reddito per i lavoratori di 3,6 miliardi di euro