in

Che tempo che fa anticipazioni 15 dicembre: Massimo Bray e De Gregori tra gli ospiti

Sono tanti gli ospiti attesissimi dal pubblico nella nuova puntata di “Che tempo che fa”, in onda domenica 15 dicembre, dalle 20.10 alle 22.30, su Rai Tre. L’apertura del talk show condotto da Fabio Fazio è affidata al metereologo Luca Mercalli, che parlerà delle sue analisi climatiche ed ambientali, per poi spostarsi sul discorso filosofico riguardante le modifiche nel rapporto tra uomo e natura.

che tempo che fa

Secondo attesissimo ospite di “Che tempo che fa” è Massimo Bray, Ministro per i Beni, le Attività Culturali e il Turismo: egli presenterà in anteprima e in esclusiva televisiva le immagini del ritorno a casa, ovvero al Museo Archeologico Nazionale di Reggio Calabria, dei Bronzi di Riace, dopo 4 lunghissimi anni di restauri. Fabio Fazio discuterà con Bray anche dell’attualità politica, aprendo un dibattito sulla legge di stabilità in corso di approvazione al Senato.

Claudio Bisio e Diego Abatantuono presenteranno poi il nuovo cine-panettone “Indovina chi viene a Natale?”, diretto da Fausto Brizzi, nelle sale dal prossimo 19 dicembre. Protagonista del consueto spazio dedicato alla musica sarà Francesco De Gregori: il cantautore, acompagnato dalla sua band, proporrà dal vivo due brani brani storici, quali “Rimmel” e “Titanic”, e due nuovi brani tratti dal suo ultimo album, “Sulla strada”. Infine, chiuderanno in bellezza Luciana Littizzetto, con l’ironico commento dei fatti della settimana, e Massimo Gramellini con la buonanotte da Torino.

Written by Rosaria Cucinella

Nata nella ridente Sicilia, 21 anni e tanta passione per la scrittura ed il giornalismo online. Amo la cucina, la primavera, i red carpet della gente famosa e i film d'azione. Mi piace la moda ma paradossalmente non amo seguirla: la lunaticità comanda anche il mio stile...

Trono Misto

Anticipazioni Uomini e Donne: doppio appuntamento con il Trono Misto, tra crisi e chiarimenti

Neonati stressati

Lo stress può colpire anche i neonati, uno studio italo-americano lo dimostra