in

Che tempo che fa anticipazioni 19 gennaio: tributo agli eroi contro la mafia con Caterina Chinnici ospite

“Che tempo che fa”, il talk show di Rai Tre condotto da Fabio Fazio, torna con una nuova puntata ricca di ospiti attesissimi. Nell’appuntamento di domenica 19 gennaio, alle 20.10, su Rai Tre, Fabio fazio ospiterà in studio lo scrittore e saggista Roberto Calasso, da sempre Presidente e Direttore editoriale della prestigiosa casa editrice Adelphi.

che tempo che fa

Riforma elettorale ed attualità politica sono al centro dell’incontro con Stefano Rodotà, giurista e professore emerito di Diritto Civile presso l’Università degli Studi La Sapienza di Roma. Si tratta di una presenza autorevole nello studio di “Che tempo che fa”: Stefano Rodotà è, infatti, tra gli autori della Carta dei diritti fondamentali dell’Unione europea. Altro ospite attesissimo è Perfrancesco Diliberto, meglio conosciuto sotto il nome di Pif, autore, regista e protagonista del film “La mafia uccide solo d’estate”.

In studio anche Caterina Chinnici, magistrato dal 1979 e attuale Capo del Dipartimento per la Giustizia minorile del Ministero della Giustizia. Autrice di “È così lieve il tuo bacio sulla fronte- Storia di mio padre Rocco”, dal 2 gennaio in libreria, Caterina Chinnici è figlia di Rocco Chinnici, giudice ucciso dalla mafia. Non a caso, il 19 gennaio è la data di nascita di due grandi magistrati assassinati, proprio Rocco Chinnici, e Paolo Borsellino. Per l’occasione “Che tempo che fa” si collega con il Teatro Biondo-Stabile di Palermo, dove saranno presenti Rita Borsellino e il duo Ficarra & Picone.

Written by Rosaria Cucinella

Nata nella ridente Sicilia, 21 anni e tanta passione per la scrittura ed il giornalismo online. Amo la cucina, la primavera, i red carpet della gente famosa e i film d'azione. Mi piace la moda ma paradossalmente non amo seguirla: la lunaticità comanda anche il mio stile...

Mourinho Eva Carneiro

Video – Verso Chelsea-Manchester United: Moyes esalta Mourinho

Stasera in diretta Tv: Il Segreto, Lucignolo 2.0, Servizio Pubblico Più