in

Chernobyl set social: preso d’assalto da influencer a caccia di selfie

A trentatré anni dal disastro che colpì Chernobyl, l’omonima serie tv – che ha debuttato il 10 giugno 2019 su Sky Atlantic – ha portato alla ribalta la cittadina abbandonata dell’Ucraina settentrionale. Fin troppo forse. Il posto, che fu luogo del disastro nucleare considerato tra i più catastrofici di sempre, è diventato set fotografico per instagrammer ed influencer a caccia di scatti ad effetto.

Chernobyl Instagram, il luogo del disastro è la nuova meta social

La zona attorno alla centrale nucleare di Chernobyl, protagonista del devastante incidente del 1986, è visitabile ormai da otto anni, al pari dei resti dell’adiacente cittadina fantasma di Pripyat. Ma solo ora, in seguito alla concitazione e alla smania suscitate dal boom della serie ispirata al libro Preghiera per Černobyl, sta conoscendo un significativo incremento di visite. Oltre il 35% in più rispetto all’anno scorso, secondo CNN. Il problema è che gran parte di questi turisti stanno usando quel che resta di Chernobyl come set fotografico.

Chernobyl, “Fermate lo scempio su Instagram!”

Senza alcun rispetto per la tragedia che ha causato morte e devastazione, lasciando una scia di dolore e preoccupazione, molti influencer profanano quel luogo azzardando – addirittura – pose sexy, da condividere poi su Instagram. Questo atteggiamento, che ha suscitato un sentimento di sdegno, ha spinto Craig Mazin, il creatore della serie, ad invocare per primo il giusto rispetto e contegno verso Chernobyl: “Se la visitate, – ha scritto l’autore in un tweet – per cortesia ricordatevi che una terribile tragedia è successa proprio lì. Comportatevi con rispetto di tutti coloro che hanno sofferto e che si sono sacrificati.”

(Foto Instagram)

Leggi anche —> Emanuela Saccardi scomparsa a Piacenza, ci sarebbe un testimone: emerge tremenda novità

Elodie Instagram, mini bikini manda in tilt il rapper Marracash: «Ammazza che ‘zizze’»

Giulia De Lellis e Iannone insieme, Andrea Damante: «Soffro per lei, ma provo a ricominciare!»