in

Chi è Amlo, il nuovo presidente del Messico: biografia e carriera di Andres Manuel Lopez Obrador

Andres Manuel Lopez Obrador, noto come Amlo, è il nuovo presidente del Messico. Secondo quanto reso noto dall’autorità elettorale, il nazionalista di sinistra ha ottenuto il 53% dei voti. Secondo il presidente dell’Istituto nazionale elettorale (Ine), Lorenzo Cordova, sulla base delle proiezioni relative a 7.800 seggi, Amlo – al suo terzo tentativo per conquistare la presidenza della Repubblica – ha ottenuto tra il 53 ed il 53,8% dei voti, quasi il 30% in più rispetto al secondo classificato, Ricardo Anaya. A capo di una coalizione di centrodestra-centrosinistra, Anaya si è infatti fermato ad una cifra compresa tra il 22,1 ed il 22,8% dei voti, seguito da José Antonio Meade, il candidato del presidente uscente Enrique Pena Nieto, che ha ottenuto tra il 15,7 ed il 16,3% dei consensi.

Leggi anche: Tutte le news con UrbanPost sul mondo della politica

Amlo è il nuovo Presidente del Messico: la reazione di Trump

Oggi è “un giorno storico”, ha detto Amlo commentando l’esito del voto. Fra i primi a congratularsi con il nuovo capo dello Stato, il presidente uscente Enrique Pena Nieto, che gli ha augurato ogni successo “per il bene del Messico”. “Sono sicuro che tutti i messicani auspicano una presidenza di successo“, ha scritto in un messaggio, in cui ha dato conto di una telefonata con Lopez Obrador. Intanto, arriva il messaggio anche del Tycoon, Donald Trump, presidente degli Stati Uniti. “Congratulazioni a Andres Manuel Lopez Obrador, che è diventato il nuovo presidente del Messico. Non vedo l’ora di lavorare con lui, c’è molto da fare a beneficio degli Stati Uniti e del Messico”. 

Chi è Amlo, il nuovo Presidente del Messico

Chi è Amlo? Impegnato in politica dal 1976, si tratta di un profilo alquanto innovativo per il Messico: nel 2006 si auto-proclamò presidente dei messicani per difendere i cittadini. Adesso, dodici anni dopo. lo è ufficialmente. Amlo è stato definito un populista e un riformatore, democratico e autoritario, speranza e rovina del Messico, socialista moderato e pericoloso chávista, messianico e diabolico. Nel 2000 è stato eletto sindaco di Città del Messico, e quello è stato il suo più grande e unico successo amministrativo. In sei anni, il tasso di criminalità scese e l’economia fece buoni numeri. Amlo promosse politiche di sostegno alle fasce sociali più deboli e un piano di espansione infrastrutturale notevole. I suoi avversari gli diedero di populista e dissero che stava facendo crescita a debito, tentarono l’impeachment, ma il suo tasso di popolarità sfiorò il 90 per cento tra gli abitanti della capitale, lui si guadagnò fama di difensore dei più deboli, eradicatore di povertà, sindaco onesto e incorruttibile.

Frizzi presto convolerà a nozze con la compagna Mantovan

Carlotta Mantovan news, come trascorre la prima estate senza l’amato Fabrizio Frizzi

Pensioni accredito quattordicesima luglio 2018: chi ha diritto a riceverla oggi? Le linee guida